Qnap QTS 4.0, un firmware Nas ideale per l’azienda e l’entertainment

Data storageStorage

SLIDESHOW- Cloud, mobilità e entertainment sono le tre parole chiave su cui si è basato lo sviluppo del nuovo firmware QTS 4.0 per i sistemi Qnap. Un’evoluzione al servizio della semplicità d’uso per tutti

Qnap propone una serie di soluzioni Nas pensate specificatamente per la casa e gli uffici (serie TS-x21 e x20, x69L), sopra la quale stanno le soluzioni medium (serie x69 e x70) e ‘enterprise’ (con la serie TS-X79). In questi contesti si può tranquillamente affermare che non vi sia necessità d’uso che non sia coperta da una o più applicazioni integrate nativamente dall’azienda Taiwanese, oppure installabili direttamente dagli utenti.

L’evoluzione del firmware di funzionamento ha portato l’azienda ha sviluppare anche una serie di applicazioni mobile, per la completa gestione dei contenuti multimediali, come delle funzioni di controllo del Nas. Nell’insieme ci sentiamo di poter affermare che al momento attuale il software proposto da Qnap con il firmware QTS 4.0 ha il suo punto di forza nella semplicità di gestione, nella facilità di integrazione delle utilities e nel bilanciamento tra funzionalità legate al puro intrattenimento con app per gestire professionalmente piccoli sistemi di videosorveglianza, flussi di lavoro con backup in cloud e condivisione dei file in cloud e tra Nas remoti. Qnap ha a catalogo anche sistemi con firmware dedicati per il digital signage. In questi tre ambiti Qnap ha abbassato ulteriormente il livello di complessità anche rispetto ai sistemi di altri vendor ed è un sicuro punto di confronto.

Il mercato dei Nas è assolutamente in buona salute. Qnap dal 2004 ha continuato la sua crescita costante e ora è tra i leader nel segmento a due e quattro bay con 200 milioni di dollari di ricavi (nel 2012). Le soluzioni di storage in cloud (Amazon, Dropbox, Google Drive e SkyDrive), si rivelano complementari ma non sostitutive delle soluzioni di archiviazioni in locale o in una cloud di Nas e Qnap offre i suoi modelli proprio a chi ha queste esigenze, da un lato quindi con l’integrazione ai servizi storage pubblici, dall’altro con il vantaggio di un pieno controllo dei dati per l’utente finale, che può gestire in autonomia il proprio archivio.

Qnap QTS 4.0 nel dettaglio

Il firmware Qnap Qts 4.0 si presenta con una grafica completamente ridisegnata, che permette la navigazione tra diverse finestre, con ampie possibilità di personalizzazione di raggruppamento e gestione delle app. Quindi si può ora parlare di Desktop multipli, multi task gestionale, Smart Dashboard per un immediato controllo dei parametri hardware, e di una nuova Smart toolbar con la possibilità di accedere immediatamente ai dispositivi esterni collegati, gli alert personalizzabili, la visualizzazione di task che stanno operando in background.

In linea generale si contempla l’integrazione molto migliorata tra gli strumenti in-Nas e la navigazione in Rete, con estensioni di compatibilità su browser non IE (Chrome su tutti), e un notevole sforzo sulla mobility.

Una delle funzioni più interessanti con il nuovo firmware e HappyGet, il download di video da YouTube
Una delle funzioni più interessanti con il nuovo firmware Qnap QTS 4.0 e HappyGet, il download di video da YouTube

Qts 4.0 è sviluppato su Kernel Linux, QFinder (rilevamento Nas), myQnap Cloud, QSync (cartella di sincronizzazione real time) sono le applicazioni (pc/mac) di uso facilitato, con ampia granularità di configurazione di accesso, non solo per utente e per tipologia di documenti, ma ora anche per device. Al primo utilizzo si può procedere al download di tutti gli applicativi direttamente dalla cloud Qnap.

Tra le funzionalità chiave merita una precisazione myQnap Cloud, l’applicazione che genera una cloud personale accessibile ovunque via Web con una Url generata ad hoc per il proprio Nas navigabile con la sola apertura delle porte su firewall.

E’ certo l’ambito multimediale quello in cui si registrano i migliori avanzamenti, alcuni dei quali consentiti dall’introduzione su alcuni modelli della presa Hdmi per il collegamento diretto con il televisore. Con questi Nas si possono portare per esempio browsing e YouTube sul proprio televisore, gestire la navigazione con il telecomando (disponibile uno proprietario, la app per smartphone, ma un certo livello di compatibilità è garantito anche dai telecomandi del mediacenter o dei Logitech), sfruttare il tv come display di gestione del Nas e ovviamente visualizzarne i contenuti, si occupa di tutto l’applicazione HD Station (solo dalla serie x69L). Lavorano con il tv le applicazioni Xbmc, Chrome, Youtube e MyNas.

E’ possibile tramite Photo Station e Music Station, da pc, gestire la condivisione di foto e musica non solo sui device di casa, sul televisore, ma anche sugli smartphone iOs e Android. Ma è anche possibile con Digital TV Station trasformare il Nas – dopo l’inserimento via Usb di un sintonizzatore, in un ricevitore digitale terrestre per guardare le trasmissioni con un semplice browser. QTS 4.0 consente l’utilizzo del Nas come Dlna Media Server, e con AirPlay si può usare Qfile per sfogliare i propri file su uno smartphone e lanciare la riproduzione sul TV via Apple TV.

Tra le funzionalità più gradite, permessa dalla semplicità assoluta di download di applicazioni anche di terze parti è obbligatorio segnalare la possibilità con Happyget II di scaricare i video preferiti, o anche solo l’audio, direttamente da YouTube, memorizzarli sul Nas,  e riprodurli a piacere o archiviarli. E’ completa in questo caso l’integrazione proprio con Chrome. All’utente, per scaricare file video o audio, alla massima risoluzione disponibile, ma anche in risoluzioni differenti, non resta che fare clic sul pulsante che si genera nel browser Chrome dopo l’installazione del plug-in. E’ semplicissimo. E per gli appassionati di Torrent il motore di ricerca ora integrato permette il download ora non solo con l’indicazione della stringa precisa, ma semplicemente cercando il video di proprio interesse per nome, anche su quei servizi in cui viene richiesto l’inserimento di user id e password.

Qnap QTS 4.0 rappresenta un netto salto in avanti, nella gestione del proprio archivio digitale, di ogni genere di contenuto per ogni tipologia di utenza. Per foto, video e musica, in particolare sono state moltiplicate le possibilità anche solo di ordinazione e organizzazione, per esempio con la possibilità per le foto di ordinare al NAS non solo l’archiviazione per directory a seconda dell’ordine cronologico, ma anche raggruppando alcune di esse per generare Album di un periodo più esteso. Per la musica, solo a titolo di esempio, è prevista persino la possibilità di associare alle canzoni, anche le parole, per improvvisare poi i relativi karaoke.

La filosofia risulta evidente dal primo utilizzo, moltiplicare le occasioni di utilizzo della propria cloud personale, in sicurezza, con uno strumento di base che viene personalizzato dalle app a piacere. App il cui ciclo di utilizzo si genera e conclude sempre stando nell’interfaccia del Nas, con un’integrazione non possibile con altri sistemi al momento.

[imagebrowser id=134]

 

 

 

 

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore