HPE: storage ibrido anche per le piccole-medie imprese

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Presentati due nuovi sistemi di storage ibrido con prezzi a partire da meno di diecimila dollari: StoreVirtual 3200 e MSA 2042

HPE ha annunciato due nuovi array di storage ibrido destinati alle piccole e medie imprese grazie a un prezzo di ingresso relativamente basso: meno di diecimila dollari. In questo modo, secondo la società, anche aziende di dimensioni e budget non elevati possono sfruttare i vantaggi delle nuove tecnologie, in particolare le maggiori prestazioni dello storage flash e i risparmi legati al SDS.

Il primo prodotto annunciato è l’array StoreVirtual 3200. Non nasce in realtà come una soluzione del tutto ibrida perché i modelli di ingresso (a partire da circa seimila dollari) non dispongono di unità SSD, può essere però esteso integrandole anche in un secondo momento. Secondo HPE la versione 3200 offre le stesse prestazioni e capacità della precedente versione 4000 ma con un costo praticamente della metà.

Più in dettaglio si tratta di un array con doppio controller ARM e il supporto a funzioni di snapshot e replica dei dati. La piattaforma di software-defined storage è la stessa di tutta la linea StoreVirtual e anche delle appliance convergenti HPE. Lato software lo StoreVirtual 3200 prevede il modulo StoreVirtual Migration Manager per la migrazione dei workload sul nuovo sistema ed è compatibile con VM Explorer.

HPE MSA 2042
HPE MSA 2042

Si colloca in una fascia più alta l’array HPE MSA 2042, che in estrema sintesi è un MSA 2040 dotato in partenza di due SSD da 400 GB ciascuna e della Advanced Data Services Suite, che porta alcune funzioni aggiuntive per la protezione dei dati. L’obiettivo era anche portare il prezzo di questa soluzione ibrida “entry” sotto la soglia psicologica dei diecimila dollari e infatti si parte da uno street price di 9.877 per un sistema carrozzato con 1,2 terabyte complessivi di storage.

L’idea di HPE è che l’introduzione di una quantità anche relativamente limitata di storage flash aumenti comunque le prestazioni di un array. Gli 800 GB del MSA 2042 consentono quindi secondo i test HPE di avere un incremento del 60 percento nel numero di transazioni database gestite e dell’80 percento nel tempo di risposta delle applicazioni, rispetto al MSA 2040.

In più, la Advanced Data Services Suite offre da subito la possibilità di eseguire sino a 512 snapshot dell’array e replicare gli snapshot su un sistema remoto. Include anche la funzione di Performance Tiering, che esamina costantemente le richieste di dati in arrivo all’array e sposta automaticamente i dati più richiesti sulle unità SSD.

Whitepaper – Sei interessato ad approfondire l’argomento?  Scarica il whitepaper  “Data Genomics Index 2016: un report sugli ambienti di storage”

Read also :