HPE approda all’Intelligent Storage, il pieno controllo sui dati ne aumenta il valore

Data storageStorage

Le novità legate agli strumenti intelligenti di HPE InfoSight e la nuova classe storage SCM e NVMe HPE Memory-Driven Flash al centro della nuova proposta di storage intelligente

HPE ha annunciato una serie di novità nelle proprie soluzioni storage per aiutare i clienti a valorizzare i dati a partire dal pieno controllo su di essi quando si muovono in cloud su piattaforme che permettano di trasformare gli insight in nuovi flussi di ricavi.

Le aziende hanno bisogno di infrastrutture semplici da gestire così da potersi concentrare sul modo migliore per ricavare il massimo dai propri dati. I clienti esigono una mobilità trasparente dei dati tra ambienti on-premises e cloud allo scopo di velocizzare i cicli di sviluppo e proteggere i dati stessi.

Questa esigenza si coniuga con quella di disporre di storage dal punto di vista economico allineato alle disponibilità per mezzo di modelli a consumo e flessibilità dal punto di vista finanziario. Da qui le soluzioni storage intelligenti in grado di adattarsi e ottimizzarsi in tempo reale, anche con lo spostamento dei dati dove occorre secondo il modello economico più favorevole.

Gli annunci odierni di HPE riguardano quindi novità introdotte nella propria piattaforma AIOps (Artificial Intelligence for Operations), HPE InfoSight, HPE Cloud Volumes che approda in UK e Irlanda e ancora la nuova classe di storage sviluppata sulla base di tecnologie SCM e NVMe denominata HPE Memory-Driven Flash e infine il rafforzamento della partnership con Cohesity per agevolare il percorso verso il cloud ibrido sui workload secondari.

HPE per alcuni aspetti si trova – lato storage – a rincorrere i più diretti competitor che la precedono anche nei diversi quadranti analitici. Con l’introduzione di Intelligenza in ambito storage il gap è in parte ridotto.

Per questo il fiore all’occhiello delle novità odierne è proprio HPE InfoSight che sfrutta l’intelligenza artificiale per eliminare l’onere di gestire l’infrastruttura prevedendo e prevenendo i problemi oltre a fornire una base per gestire i dati secondo il relativo contesto. HPE InfoSight può ridurre i costi operativi anche del 79 percento, secondo il vendor, facendo in modo che l’infrastruttura si gestisca da sola e che l’IT si ottimizzi autonomamente.

HPE InfoSight si espande oggi in direzione della gestione dei workload attraverso le seguenti funzionalità di intelligenza basate su machine learning per ridurre i rischi e il lavoro manuale. Lo fa attraverso la disponibilità di raccomandazioni cross-stack per HPE Nimble Storage estendendo la disponibilità anche al layer di virtualizzazione.

HPE InfoSight
HPE InfoSight

HPE InfoSight va ora oltre i tool analitici predittivi elementari offerti da altri vendor per fornire invece indicazioni basate su AI attraverso tutto lo stack infrastrutturale allo scopo di ottimizzare al meglio gli ambienti dei clienti e la collocazione dei loro dati. E’ disponibile inoltre un planner di risorse basato su AI che aiuta a ottimizzare l’assegnazione dei workload sulle risorse disponibili eliminando incertezze e rischi di problemi durante il deployment di nuovi workload.

Lato memorie invece HPE Memory-Driven Flash si pone ora come una nuova classe di storage che si avvale delle tecnologie SCM e NVMe per accelerare le performance applicative di HPE 3PAR e HPE Nimble Storage. HPE Memory-Driven Flash riduce la latenza fino a due volte tanto ed è fino al 50% più veloce degli array all-flash con unità SSD NVMe.

L’intelligenza implementata all’interno di HPE 3PAR e HPE Nimble Storage ottimizza la tecnologia SCM per consentire l’elaborazione in tempo reale dei workload misti e delle applicazioni sensibili alla latenza – come AI e machine learning o le transazioni ad alta velocità – su vasta scala. HPE 3PAR è la prima piattaforma storage enterprise disponibile con SCM e NVMe. HPE Memory-Driven Flash segna un passaggio architetturale verso le architetture memory-driven che contraddistingueranno la prossima generazione di innovazioni.

Read also :