Cala il mercato delle appliance di backup

Data storageStorage

Le aziende preferiscono sistemi di backup più elastici delle appliance dedicate, secondo un report di IDC

Il mercato del backup evolve e, come è accaduto in tanti altri comparti, i prodotti molto specifici ne soffrono. Secondo i dati più recenti rilevati da IDC e relativi al secondo trimestre 2015, il settore delle appliance dedicate al backup ha registrato una flessione in valore dell’8 percento anno su anno, un calo che deriva dalla combinazione di una flessione ancora maggiore (-9 percento) delle appliance per i sistemi “open” e di un lieve incremento (+1,8 percento) dei sistemi per i mainframe. Nel complesso il mercato ha mosso 726,1 milioni di dollari e circa 694 petabyte di capacità, questa sì in buona crescita (+18 percento). Le cifre sono riferite a livello mondiale.

backupIDC comprende in questo mercato quelle che chiama PBBA, ossia Purpose-Built Backup Appliance, e suddivide in due categorie: le appliance vere e proprie e i gateway. Le appliance sono soluzioni stand-alone che utilizzano software, array di dischi e server engine per fare da destinazione ai backup eseguiti da applicazioni specifiche. I gateway servono allo stesso scopo ma si collegano a dispositivi di storage generico. Le PBBA spesso non fanno solo backup ma si occupano anche di replica dei dati su una unità analoga secondaria, per il disaster recovery.

È l’evolvere della tecnologia che fa calare il mercato, secondo Liz Conner, Research Manager Storage Systems di IDC: “L’attenzione continua a spostarsi dai sistemi PBBA on-premise a quelli ibridi/gateway. Il risultato è una maggiore enfasi sui software di backup e de-duplicazione, sulla possibilità di spostare dati sul cloud e sulla sempre maggiore trasformazione dell’hardware in commodity. Tutto questo impone a chi si trova in questo mercato di modificare di conseguenza il suo portafoglio prodotti“.

In quanto a produttori, EMC mantiene largamente il controllo del mercato anche se il suo market share è in leggero calo (circa il 57 percento contro il 63 di un anno fa). Seguono Symantec (al 14,5 percento circa, comprendendo anche il business di Veritas), IBM (7,4), HP (5,1) e Barracuda (3,7).

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore