NetApp deduplica lo storage di tutti

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Il costruttore offre ai clienti V-Series la possibilità di deduplicare lo storage primario di Emc, Hds e Hp

Nel recente passato, NetApp aveva già sottolineato la propria capacità di deduplicare lo storage primario, in contrapposizione a quello di backup, sul quale fanno più comunemente leva i costruttori del settore. Finora, però, questa capacità era praticabile solo sull’hardware proprietario del vendor. Ora, invece, NetApp ha aggiunto questa possibilità alla propria gamma V-Series di prodotti di storage virtualization, che lavora anche con i sistemi degli altri vendor di mercato, come Emc, Hp e Hitachi Data Systems.

La deduplicazione elimina i dati ridondanti e sta assumendo un’importanza crescente per le imprese che devono elaborare un vasto insieme di informazioni digitali. La capacità di ridurre le necessità di storage di dati può aiutare a tenere sotto controllo costi e consumi energetici. Con l’ultimo annuncio, NetApp afferma di essere l’unico vendor in grado di deduplicare lo storage primario, una caratteristica che può risultare particolarmente interessante per i clienti che fanno uso di server virtualizzati.

Il costruttore aveva già introdotto lo scorso anno la deduplicazione nei prodotti di fascia enterprise, come i Fas6000 e ora essa è disponibile su quasi tutta la gamma, a eccezione di alcune tecnologie per le piccole e medie aziende. La funzionalità è parte integrante del sistema operativo Data OnTap, che viene fornito con i sistemi NetApp senza costi aggiuntivi.

Read also :