Microsoft crea un nuovo mega-gruppo per l’intelligenza artificiale

Business intelligenceData storage

Microsoft Research assorbe i gruppi di Bing, Cortana, robotica e Ambient Computing. Perché l’intelligenza artificiale si sviluppa tra ricerca e pratica.

Molti degli annunci più importanti provenienti dal Microsoft Ignite che si è appena concluso sono stati legati alle applicazioni delle tecnologie di machine learning e intelligenza artificiale. L’idea di Microsoft è quella di diffondere queste funzioni in prodotti sia business sia consumer, proponendole anche come “mattoncini” per gli sviluppatori attraverso uno stack completo che comprende infrastrutture, servizi, app e agenti autonomi (come i chatbot).

Per proseguire più velocemente su questa strada ora Microsoft ha deciso di riorganizzare i gruppi di lavoro che operano in campo AI e machine learning creando un unico grande gruppo che ruota intorno a Microsoft Research. A quest’ultima si uniranno l’Information Platform Group e i team relativi a Bing, Cortana, Ambient Computing e Robotics, creando una struttura con oltre cinquemila tecnici e ingegneri.

Tay, un esperimento di chatbot portato avanti da Microsoft (e non proprio riuscitisisimo)
Tay, il primo esperimento pubblico di chatbot portato avanti da Microsoft su Twitter

Secondo Harry Shum, Executive Vice President del Microsoft AI and Research Group – c’è “un incredibile potenziale per questo gruppo” in una fase del mercato in cui le funzioni di AI stanno rendendo più labile il confine tra ricerca e prodotto finale. Questo scenario, secondo Shum, fa sì che una vera innovazione nel campo dell’intelligenza artificiale non venga più solo dai centri di ricerca ma da una combinazione tra la ricerca pura e la pratica delle funzioni di machine learning messe in produzione su larga scala.

Partendo da questo punto di vista il nuovo gruppo, che unisce appunto la parte di ricerca con la concretezza dei prodotti, “maggiori opportunità di accelerare la nostra innovazione in campo AI“. Secondo Shum, Microsoft Research lavora su funzioni di AI sin dalla sua creazione 25 anni fa e molti prodotti Microsoft mostrano le ricadute positive di questo lavoro. Gli esempi citati sono in particolare Bing, Cortana, Microsoft Graph, Skype Translator e il chatbot cinese Xiaoice (che ha anticipato la meno fortunata Tay).

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore