Lo Sparc64 VII sui server di Sun e Fujitsu

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

La serie M ospita un processore che promette di essere due volte più potente del suo predecessore, facendo risparmiare il 44% in consumi

Fedeli a una relazione nata alla fine degli anni Ottanta, Sun e Fujitsu proseguono nel supporto congiunto del processore Sparc, mantenendone nel tempo la compatibilità binaria, con l’iniziale set ridotto di istruzioni. Questa compatibilità consente di far funzionare il sistema operativo Solaris e le correlate applicazioni, attualmente declinati nella versione 10 update 5, su tutti i server a base Sparc.

Lanciata nel maggio 2007, la gamma Sparc Enterprise serie M sono indirizzati soprattutto alle applicazioni business critical, alle elaborazioni pesanti o complesse, al calcolo ad alte prestazioni e alle necessità di alta disponibilità per database, Crm o Erp. Questa gamma, pensata per esigenze di virtualizzazione e consolidamento, si compone dei modelli M4000, 5000, 8000 e 9000, capaci di ospitare, a seconda dei modelli, da 4 a 64 processori.

Il gruppo di server potrà ora beneficiare della disponibilità dello Sparc64 VII, anche se per ora non scomparirà l’opzione di impiego del precedente processore, ovviamente proposto a prezzi inferiori (la differenza è fra il 10 e il 20%). Lo Sparc64 VII ospita quattro core da due thread ciascuno, mentre la versione VI si ferma a due core da due thread. La loro compatibilità fa sì che un medesimo server Sparc Enterprise M possa far funzionare simultaneamente schede con entrambi i processori. I quali si caratterizzano anche per comuni funzioni di sicurezza integrate, come la reimmissione automatica delle istruzioni (instruction retry), la rilevazione e correzione automatica degli errori (Ecc) e altro.

Sun e Fujitsu, che sono partner anche nella commercializzazione e post-vendita delle gamme comuni di server, sviluppano separatamente le rispettive linee di processori Sparc. Lo Sparc64 di Fujitsu e l’UltraSparc di Sun sono complementari, ma guardano a differenti impieghi. Ad esempio, l’UltraSparc T2 Plus, a 64 thread su otto core, è ottimizzato per l’elaborazione di numerosi flussi in parallelo, ma a potenza relativamente debole per thread, come nel caso dei mail server o quelli dedicati a specifiche applicazioni Web. Gli Sparc64 VI e VII, invece, si indirizzano a sistemi di fascia media e alta, a forte carico di lavoro per thread.

Gli Sparc Enterprise Serie M di Sun e Fujitsu si colloca in competizione con gli Ibm System P5 (con processore Power6) e con gli Hp Integrity (processori Itanium).

Read also :