TIBCO accelera sulla parte di analytics: le novità del 2016

Business intelligenceData storage

Sono tutte improntate al potenziamento della parte analytics le novità principali TIBCO per il 2016, con attenzione a Spark e all’IoT

Raffica di novità per TIBCO Software, che ha presentato una gamma ampia di sviluppi collegati alle sue piattaforme di analytics più alcune iniziative legate sempre alla gestione e all’analisi di grandi quantità di dati. La filosofia di fondo di questi sviluppi, che caratterizzeranno il 2016 della società, è tipica degli analytics: aiutare le aziende a rilevare collegamenti fra aspetti diversi del proprio business e sfruttarli per aumentare la produttività. Si tratta – secondo Mark Palmer, general manager of analytics engineering – di “un approccio pragmatico al cognitive computing, che realizziamo combinando funzioni di intelligenza evoluta con automazione algoritmica”.

Venendo alle singole novità, TIBCO Spotfire ha acquisito nuove funzioni per la preparazione dei dati alle operazioni analitiche. L’interfaccia è “code free” e quindi permette anche ai non (troppo) tecnici di accedere a varie sorgenti di dati e di gestire l’ingresso delle informazioni nel sistema. Il client di Spotfire 2016 è realizzato in HTML5, quindi si adatta a vari tipi di dispositivi, ha una versione specifica per iOS e supporta nuove applicazioni di analisi georeferenziata.

L'ambiente di TIBCO Spotfire Desktop
L’ambiente di TIBCO Spotfire Desktop

Interfaccia semplice e amichevole anche per TIBCO LiveView 1.1: questa piattaforma fa da base di sviluppo per le operazioni di analisi basate su Live Datamart e si sta evolvendo in generale verso le applicazioni di streaming analytics per la gestione di grandi volumi di dati in tempo reale. A questo servono anche i collegamenti diretti con altri moduli TIBCO come StreamBase o BusinessEvents ma anche con applicazioni e sistemi di terze parti. LiveView permette di creare dashboard visuali per chi deve poi usare i dati e le analisi, le stesse informazioni possono essere esportate via API, librerie JavaScript o “viste” HTML5.

La streaming analitycs è collegata anche al mondo Internet of Things e in questo ambito (ma non solo) TIBCO ha presentato Accelerator for Spark, un insieme di cinque moduli progettati per implementare velocemente un sistema analitico basato su Spark. Si tratta di un pacchetto gratuito che comprende una parte con trenta connettori open source per l’interfacciamento a sistemi IoT ed enterprise (Connector), una per la preparazione dei dati in streaming (Digester), una sezione con modelli predittivi derivati da Spotfire (Finder), un motore di automazione per la streaming analytics (Automator) e una parte per l’addestramento dei modelli (Tracker).

Infine, TIBCO ha anche “aperto” uno spazio di confronto e condivisione per gli sviluppatori e un marketplace per componenti e prodotti basati sulle soluzioni della società.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore