Google manda in pensione la Google Search Appliance

Giornalista e collaboratore di TechWeekEurope, si occupa professionalmente di IT e nuove tecnologie da oltre vent'anni e ha collaborato con le principali testate italiane di settore

Follow on: Linkedin

La ricerca di informazioni è sempre più cloud, inutile portare avanti una soluzione “locale” come la Google Search Appliance

È un pezzo di storia Google che se ne va, anche se con un ampio preavviso: lo sviluppo della Google Search Appliance non sarà più portato avanti e l’appliance stessa non sarà più venduta. Ma il “search engine” locale farà in tempo a festeggiare i quindici anni di attività, in qualche modo, dato che Google ha lanciato l’appliance nel 2002 e le vendite termineranno nel 2017. Il supporto terminerà più avanti a seconda dei contratti sottoscritti, comunque dovrebbe arrivare sino al 2018. L’annuncio non viene direttamente da Google ma da alcuni suoi partner e clienti che sono stati contattati da Big G.

La Google Search Appliance, o GSA, si può considerare come uno dei primi veri prodotti dell’azienda destinati al mercato business. Il suo scopo era quello di portare le funzioni di ricerca del motore di Google all’interno delle imprese per aiutarle a ricercare e classificare le loro informazioni, con la stessa elasticità della piattaforma web. Il prodotto coinvolge pesantemente i partner Google, che si occupano della personalizzazione e ottimizzazione delle funzioni in base alle sorgenti dati delle specifiche aziende.

La Google Search Applianc
La Google Search Appliance

A spiegare la dinamica della dismissione dell’appliance è stato lo stesso Amit Singh, Presidente di Google for Work, in una email che è stata pubblicata online da chi l’ha ricevuta. Secondo Singh il settore della ricerca sta cambiando grazie alle innovazioni tecnologiche, in particolare il machine learning e “il futuro di Google Search for Work è nel cloud”. Singh spiega che Google “sta già lavorando a questo futuro” e ha già un nuovo prodotto in versione beta, un progetto che illustrerà più ampiamente nel corso di quest’anno.

All’atto pratico chi sta usando una Google Search Appliance può continuare a usarla normalmente sino alla fine del contratto di supporto tecnico. Se questo scade nel 2016 può essere rinnovato per altri uno o due anni, nel 2017 saranno disponibili solo rinnovi per un ulteriore anno e nel 2018 non ci saranno né rinnovi né prodotti hardware in vendita.

Non saranno sviluppate nuove funzioni per la GSA, ma saranno comunque distribuiti bug fix e aggiornamenti di sicurezza fino al termine dei contratti di supporto. È immaginabile che da qui ad allora gli utenti migrino a qualche altra soluzione, magari di Google stessa perché anche il CEO di Alphabet Sundar Pichai ha sottolineato che il mercato dei servizi cloud per le aziende è una delle sue principali aree di investimento per il prossimo futuro.

Read also :