Atlantis Ilio USX, un software per lo storage ibrido e convergente nei data center

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Atlantis Computing rilascia la soluzione Ilio USX di Software defined storage : più macchine virtuali supportate dallo storage di ogni tipo gestito in pool

Atlantis Computing, finora nota per la sua linea Ilio di applicazioni VDI di virtualizzazione del desktop, passa ad occuparsi anche di virtualizzazione dello storage secondo lo schema del Software defined storage, e annuncia a livello mondiale il rilascio di Ilio USX . Gli analisti di mercato sono d’accordo sul trend che sta coinvolgendo la gestione dei data center che è alle prese con il compito di migliorare l’agilità delle attività aziendali pur ottimizzando i costi . La soluzione potrebbe venire da un’offerta come quella di Ilio USX di storage completamente virtualizzato e gestito in pool tramite software.

Come hanno spiegato a Techweekeurope.it i dirigenti della società californiana, l’annuncio si inserisce nell’esperienza accumulata da Atlantis Computing nella gestione dello storage per la virtualizzazione del desktop, ma rientra anche nel trend più vasto del contesto di virtualizzazione dei server iniziato ormai una decina di anni fa dalla proposta ESX di Vmware.

Una delle unicità di Ilio USX , più volte sottolineata, è che si tratta della prima soluzione di storage software defined che permette di mettere in pool in maniera ottimizzata risorse già esistenti di data center che comprendono non solo SAN, NAS e DAS , ma anche la stessa RAM e le memorie Flash allo stato solido presenti all’interno dei server stessi. L’interesse della soluzione è evidente se si ascoltano le stime di Atlantis che parlano di un raddoppio delle necessità di storage ogni due anni come conseguenza dal consolidamento dei server. Un altro punto chiave di Ilio USX è che il software , che gira da qualche tempi in progetti pilota, fa in modo che il numero di macchine virtuali supportate dallo storage già installato aumenti fino a cinque volte. Questo permette di fare un uso intelligente delle risorse di storage meno costose come il DAS ( direct attached storage).

Atlantis Computing ILIO (1)

Insomma l’IT azienda diventa in grado di utilizzare capacità di storage sottilizzate sia nei server locali sia nello storage condiviso e rende efficienza agli investimenti eseguiti nello storage senza i collo di bottiglia spesso rappresentato dall’I/O con i server virtualizzati. A questo si unisce la capacità di far girare le applicazioni e i dati in modalità in memory. Le stime di Atlantis indicano così che Ilio USX è anche in grado di misurarsi sul paino delle prestazioni con una riduzione del 50 per cento dei costi.

Il software di Atlantis Computing gestisce ottimizza oltre 12 Petabyte di storage per oltre mezzo milione di macchine virtuali installate presso 440 clienti nel mondo. In Italia i clienti citabili sono : Unicredit, Xchanging Italia , Università di Pavia, Università della Calabria. I distributori di Atlantis sono due: Systematika , in particolare per il mondo Vmware, e Ready Informatica per gli ambienti Citrix.