HP: sui server Moonshot anche processori ARM

CloudServerWorkspace

HP: anche ai chip di Texas Instruments e Applied Micro per la realizzazione delle cartucce Moonshot basate in tecnologia ARM

HP si è affidata anche ai chip di Texas Instruments e Applied Micro per la realizzazione delle prime cartucce Moonshot basate su componenti in tecnologia ARM. Parlando dei server da alta densità Moonshot, HP spiega come queste macchine consumano l’89 per cento in mendo di energia, occupano l’80 per cento in meno di spazio fisico , costano fino al 77 per cento in meno e sono molto poco complesse da mettere in esercizio rispetto ai server classici. Si tratta di un “nuovo stile dell’IT” che ora è atteso a un punto di svolta.

moonshot_leap2_800x600_00005

Presentata per la prima volta nell’aprile del 2013 , l’offerta Moonshot si distingue a prima vista per un formato innovatore con server in architettura ARM o in architettura X86 resi disponibili sotto forma di cartucce. E’ accessibile unicamente l’offerta in architettura X86 ( Inel o AMD). Calxeda era indicata all’inizio come la principale costruttrice per Moonshot con i primi compenti in architettura ARM. La bancarotta di questo fornitore di SoC ha poi messo in dubbio la disponibilità ravvicinata di cartucce in architettura ARM. Con l’uscita di Calxeda dal mercato a produrre chip per server in architettura ARM restano AMD, Applied Micro, Cavium and Broadcom.

xgeene

Ma ora sono apparse le prime indicazioni di moduli ARM basati su componenti X-Gene di Applied Micro. Ogni cartuccia comprende un SoC a 8 core ARM a 64 bit che viaggiano a 3,4 GHz e dotati di 64 GB di RAM e di un interfaccia di rete a 10 Gbps. Una concorrenza efficace per i chip a basso consumo di Intel , sia Atom per server che Xeon. Applied Micro si è dichiarata sul punto di proporre componenti ARM a 64 bit a 3 GHz in litografia a 28 nm. L’X-Gene sembra in ogni caso in grado di fare concorrenza a un Atom C2758 a 8 core che lavora a 2,4 GHz.

pho-generic-server_300_244

 

In HP si parla anche di un altro modulo ARM che fa ricorso a un chip firmato da Texas Instruments. Quattro di questi sono integrati in un’unica cartuccia e basati su ARM Cortex 15 a 32 bit.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore