Da Dell nuove soluzioni in ambito HPC

CloudServer

Con i Dell HPC System arrivano sistemi pre-configurati e ottimizzati per applicazioni di calcolo intensivo in settori specifici, come la genomica e il manufacturing

La pubblicazione della classifica Top500 con i migliori supercomputer del pianeta coincide sempre con diversi annunci delle aziende in campo HPC (High-Performance Computing) e anche stavolta l’abitudine è stata confermata. La nuova vittoria cinese non ha rallentato le novità dei vendor americani e in questa scia si inserisce anche Dell con diverse novità hardware. La logica che le unisce è quella di voler estendere le applicazioni HPC dai tradizionali centri di ricerca alle aziende di qualsiasi tipo.

Dell HPC System for Life Sciences
Dell HPC System for Life Sciences

Per portare le soluzioni HPC tra utenti meno “tecnici” è secondo Dell opportuno mettere a disposizione sistemi che siano già in buona parte configurati e testati per il settore in cui andranno a operare. Con questa concezione sono stati sviluppati i Dell HPC System, studiati dai tecnici Dell con la collaborazione di esperti di comparti specifici. La “certificazione” di Dell non si limita quindi a una garanzia di interoperabilità dei componenti hardware e software ma al fatto che i sistemi siano ottimizzati per applicazioni mirate.

Dell ha lanciato tre HPC System: per la ricerca in campo biologico, ad esempio per la genomica; per il manufacturing, con funzioni di analisi strutturale e fluidodinamica; per la ricerca scientifica in generale. Lato software l’accento è ovviamente sulla parte di analytics, lato hardware si segnala il supporto per i processori Intel Xeon di generazione più recente.

Sempre in campo HPC, Dell ha avviato un programma di “early access” per i clienti che vogliono iniziare a usare il nuovo server Dell PowerEdge C6320p con processori Intel Xeon Phi della famiglia Knights Landing. Il server sarà disponibile ufficialmente solo nella seconda metà di quest’anno.

Sempre come anteprima, Dell ha pre-annunciato una piattaforma per la gestione di cluster di server distribuiti in parte on-premise e in parte in cloud. Dovrebbe essere la base tecnologica per abiltare nuove funzioni di “HPC-as-a-Service” in cui un’azienda utente possa usare sia i suoi sistemi sia risorse del cloud pubblico per le proprie necessità di elaborazione intensiva.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore