Oracle macina machine learning per le applicazioni cloud

CloudSaas

OpenWorld 2018 – Entro il 2025 tutte le applicazioni in cloud sfrutteranno l’AI. C’è un’accelerazione in corso riconosciuta anche dal Ceo Hurd. Ellison presenta Oracle Fusion Analytics Warehouse

In occasione di Oracle OpenWorld 2018, il Ceo di Oracle Mark Hurd  ha voluto condividere nuove previsioni e linee guida per il futuro per quanto riguarda l’accelerazione riguardo il numero e la qualità di applicazioni in cloud.

L’anno scorso, il Ceo aveva previsto che l’85 percento delle applicazioni di produzione sarebbe stato in cloud entro il 2025, invece lo scenario ha accelerato ulteriormente. Conforta che alla fine anche Hurd riconosca che il cloud sia inconfutabile ma resta scritto che Oracle è anche tra i vendor che ha ammesso la cosa tra gli ultimi.

Entro il 2025, secondo secondo Hurd, il 100 percento delle applicazioni cloud includerà l’intelligenza artificiale (AI) e l’85 percento di tutte le interazioni con la clientela sarà automatizzato. Nel keynote Hurd ha anche segnalato che il 60 percento di tutti i posti di lavoro nel settore informatico riguarderanno profili professionali che oggi non sono ancora stati inventati, ma lo saranno da qui a sette anni.

Non possiamo condividere invece l’idea di Hurd secondo cui l’automazione non sostituirà posti di lavoro, ma li creerà. Secondo Hurd tra le nuove figure professionali che nasceranno dall’uso dell’AI e di altre tecnologie emergenti ci saranno supervisori per i robot, progettisti di tecnologia per le smart city, tecnici sanitari assistiti dall’Intelligenza Artificiale, professionisti dei dati. E’ un dato di fatto facilmente contestualizzabile però che all’ennesima rivoluzione digitale non tutte le figure attuali possono essere convertite e specializzate e che l’automazione di processo implicherà la riduzione degli orari di lavoro.

Delle applicazioni in cloud e delle loro potenzialità legate a machine learning e AI è tornato a parlare anche Larry Ellison nel suo secondo Keynote. Il CTO di Oracle, sempre fermamente ancorato alla tecnologia, ha voluto svelare le funzionalità di analisi disponibili nelle applicazioni Oracle Fusion CloudSono quelle basate sul machine learning e offrono a tutte le linee di business –  tra cui customer experience, finanza, risorse umane e supply chain – una suite completa e integrata di applicazioni.

Larry Ellison, Cto di Oracle
Larry Ellison, Cto di Oracle

Larry Ellison, Cto di Oracle

Le ‘fusion cloud’ sfruttano Oracle Autonomous Database e la disponibilità di processori separati dedicati alle applicazioni e alla sicurezza per aiutare i clienti a ottenere più agilità e ridurre i costi. I clienti possono così sviluppare facilmente estensioni applicative secondo le richieste dei clienti adottando una moderna interfaccia utente conversazionale, e automatizzare centinaia di funzioni aziendali manuali e la migrazione al cloud.

Ellison ha anche presentato Oracle Fusion Analytics Warehouse, una piattaforma di analisi completa  rivolta a utenti aziendali, sviluppatori e professionisti IT che si basa su Oracle Analytics e Autonomous Data Warehouse.

Ottimizzata per tutte le applicazioni Oracle Fusion Cloud, essa consente la distribuzione delle applicazioni in tempi celeri e una valorizzazione immediata. I clienti possono utilizzare la soluzione, personalizzabile e ampliabile, per acquisire dati anche da altre soluzioni SaaS e on-premise.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore