Acronis Data Cloud 7.8, protezione per Office 365 e il backup va su Google Cloud e Azure

CloudSaasSicurezza
Acronis Data Cloud

Acronis Data Cloud 7.8 permette il backup cloud-to-cloud per Exchange Online, OneDrive for Business e SharePoint Online. Con Acronis Notary Cloud arriva un servizio basato su blockchain per l’autenticazione dei file, la firma elettronica e la verifica dei dati

Acronis  ha annunciato un importante aggiornamento della piattaforma Acronis Data Cloud. Arriva la versione 7.8 che introduce protezione cloud-to-cloud completa per Microsoft Office 365, predisposizione del disaster recovery, protezione dal ransomware migliorata e una soluzione di autenticazione dati e firma elettronica basata su blockchain per i service provider.

Acronis Data Cloud supporta l’integrazione nativa con le piattaforme di automazione dell’hosting, i sistemi PSA (Professional Services Automation) e gli strumenti di gestione e monitoraggio da remoto (RMM) più diffusi, per questo è utilizzata dai service provider oltre che per le funzioni complete di monitoraggio dei servizi e generazione di report. La piattaforma consente così agli SP di commercializzare in modo agile i nuovi servizi attraverso l’infrastruttura di gestione dei clienti esistente.

Acronis Data Cloud 7.8, tutte le novità

John_Zanni_Praesident_Acronis
John Zanni – Presidente di Acronis

Cosa arriva però con il nuovo aggiornamento 7.8? Finalmente è concreta la preannunciata integrazione con Google Cloud e Microsoft Azure Cloud Services, coerente nella sua strategia volta a proteggere tutti i dati, le applicazioni e i sistemi pur assicurando agli utenti il controllo totale sui dati protetti e un’assoluta flessibilità.

Più in dettaglio è previsto in ambito Office 365 il backup cloud-to-cloud per Exchange Online, OneDrive for Business e SharePoint Online. I backup vengono eseguiti direttamente tra Microsoft e uno dei data center su cloud protetti di Acronis. I service provider possono selezionare il paese e il luogo specifico del data center. Con Acronis Backup Cloud, gli utenti possono anche eseguire ricerche nel backup per trovare e ripristinare singoli file o messaggi.

In questa release viene introdotto anche un nuovo servizio, che va ad aggiungersi a quelli esistenti – Acronis Backup Cloud, Acronis Disaster Recovery Cloud e Acronis Files Cloud. Acronis Notary Cloud è un servizio basato su blockchain per l’autenticazione dei file, la firma elettronica e la verifica dei dati. Il servizio crea un’impronta digitale univoca dei file e la memorizza in un registro pubblico della blockchain, il che consente la convalida indipendente dell’autenticità del file e della sua esistenza in un momento specifico.

Inoltre con Acronis Active Protection è possibile monitorare le attività dannose, bloccare i comportamenti sospetti e ripristinare automaticamente i file danneggiati. Questa release introduce una tecnologia avanzata di apprendimento automatico per riconoscere meglio le minacce note e ignote e ridurre i falsi positivi. La nuova versione protegge anche le condivisioni di rete e i dispositivi rimovibili.

Per quanto riguarda il disaster recovery la nuova funzione runbook semplifica e velocizza il failover di più dispositivi su un sito di ripristino su cloud e garantisce il ripristino dei sistemi nell’ordine corretto per mantenere le interdipendenze tra applicazioni su dispositivi diversi.

Gli SP potranno inviare i backup a Google Cloud Storage e a Microsoft Azure Storage senza necessità di complesse configurazioni o elaborazione di contratti. I provider di servizi gestiti (MSP) potranno usufruire dei data center di Google e di Azure con un semplice clic, nell’ambito del contratto sottoscritto con Acronis.

L’integrazione faciliterà la scelta dell’archivio e del provider preferito da parte di clienti e partner, semplificando contemporaneamente la gestione dei contratti per gli MSP più piccoli.

Questo aggiornamento è corredato di una serie di materiali per la vendita e il marketing finalizzati ad aiutare i service provider ad aumentare gli utili proponendo ai clienti nuovi ed esistenti un maggior numero di servizi gestiti di protezione dei dati.

Acronis invita i partner a contattare gli agenti di vendita per richiedere i fogli informativi, le schede sintetiche e i modelli e-mail più aggiornati a supporto del lancio della nuova release.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore