Rubrik, il data management cresce nel cloud e strizza l’occhio alla sicurezza

Big DataCloudData storageSaas

Durante un incontro con il fondatore di Rubrik, Bipul Sinha, si sono tracciate le linee della società che spinge sul cloud data management. Due distributori e il lancio di Polaris, la piattaforma SaaS per applicazioni di Data Management

Il fondatore di Rubrik nel 2014 è Bipul Sinha: una laurea in ingegneria elettrica conseguita in India, emigrato negli Stati Uniti, ha lavorato in Oracle, ottenuto un MBA che lo ha portato a occuparsi di venture capital investing in Lightspeed . Dietro Rubrik c’è l’idea di rivedere completamente le infrastrutture di backup e recovery per gestire l’esplosione di dati avvenuta con il mondo cloud.

Entrando nel dettaglio, Rubrik, con la sua piattaforma di Cloud Data Management vuole semplificare la gestione complessiva dei dati garantendo sicurezza. A oggi, sembra che i risultati stiano premiando la società che è presente anche in Italia da un anno e poco più con Cristian Meloni, country manager Italia e Gianpiero Petrosi, Southern Europe Presales Manager. Portando già dei segni: da uno si è passati a due distributori (recente l’accordo con Computer Gross). Tornando al quadro generale, Rubrik ha registrato finora successi, con una valutazione che supera 1,3 miliardi di dollari e un run rate che si sta avvicinando ai 300 milioni di dollari, oltre a vantare referenze importanti in ogni settore, il riconoscimento dei principali analisti e partnership attive con tutti i principali cloud provider (Microsoft Azure, AWS e Google Cloud).

Cristian Meloni

Bipul Sinha sottolinea come l’azienda sia partita con investimenti in sales e marketing, si definisce una self independent public company. Meloni snocciola numeri e posizioni che fanno capire come l’azienda si stia espandendo: “nuove persone tra Roma e Milano in ambito commerciale e prevendita. Ad Amsterdam inside sales italiani, persone dedicate al mercato italiano che stanno a giustificare gli investimenti in Italia. Abbiamo appena assunto un responsabile prevendite nel sud Europa, da circa sei mesi, e siamo orgogliosi del fatto che ci siano persone italiane che portino competenze fuori nazione. Da un distributore abbiamo aperto anche a Computer Gross che si affianca a Exclusive per soddisfare la capillarità sul territorio: tanti clienti in Italia e poche regioni dove Rubrik è rimasto fuori. Siamo presenti su tutti i vertical, perché tutti i clienti rientrano nell’ambito del cloud data management, perché tutti i clienti ne hanno potenzialmente bisogno”, spiega Meloni. Il country manager Italia si sofferma sul parco partner.

Dal 1 febbraio 2018, è iniziato un nuovo anno fiscale e l’obiettivo è “individuare 4 o 5 focus partner su cui investire l’80% delle risorse”. “Non vogliamo andare direttamente sui clienti”, precisa Bipul, “siamo al 100 legati ai nostri distributori. Il focus è definire una channel partner strategy, attraverso training e analizzare con loro le soluzioni per i partner”. In poche parole, l’azienda vuole portare un messaggio chairo: il cloud è economico, strategico e fa risparmiare. Già, perché come fa notare Petrosi, “il valore che esprime il focus partner è propositivo, attento al business del cliente e faccia leva sulle evoluzioni, quindi un ambiente multi cloud con applicazioni native in modo evolutivo”. “Si pensi a un dato secondario all’interno di un data center. Per permettere la mobility del dato, il cliente non si deve vincolare a una infrastruttura per muoversi, sarà il partner che dovròà essere in grado di sfruttare questa necessità suggerendo al cliente quali altri dati o quali applicazioni spostare nel cloud”.

Giampiero Petrosi

Insomma, quello che non va dimenticato è che dal dato si estrae valore e va protetto. Di recente la società ha rilasciato Rubrik Polaris, la piattaforma SaaS del mercato per applicazioni di Data Management. Rubrik Polaris rivoluziona il settore del data management – nello specifico, backup/recovery, archiviazione e DR – fornendo un framework basato su policy globali, orchestrazione dei workflow e deep data intelligence sotto forma di applicazioni erogate via cloud.
La trasformazione digitale del business porta alle aziende una serie di sfide significative, legate alla forte crescita dei dati e delle applicazioni.

Oltre a ciò, dato che molte aziende adottano policy cloud-first o esplorano approcci multi-cloud, i dati diventano sempre più decentralizzati, distribuiti su location e servizi non collegati tra loro. Perché le aziende possano mantenere il controllo, implementare la governance e raggiungere gli obiettivi di compliance, è necessaria una nuova generazione di applicazioni di data management basate su un sistema unificato, in grado di proteggere e gestire dati e applicazioni su datacenter e cloud differenti.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore