Microsoft .NET Core in open source: cosa c’è da sapere

CloudMiddlewarePaasSoftware

Debutta .NET Core 1.0, la piattaforma di sviluppo cloud open source che Microsoft ha creato partendo dalla storica .NET Framework: non sono la stessa cosa, ma quasi

L’annuncio è certamente di quelli che fanno scalpore: Microsoft ha rilasciato una versione open source della sua principale piattaforma di sviluppo, .NET Framework. In realtà questo non significa – a rigor di termini – che la casa di Redmond abbia “rilasciato in open source .NET”, come alcuni hanno sintetizzato. Quello che Microsoft ha fatto è stato presentare una piattaforma denominata .NET Core 1.0, che deriva da .NET Framework ma che ha ancora alcune differenze rispetto ad essa.

La principale distinzione tra le due piattaforme sta nel fatto che .NET Core non supporta tutti gli app-model di .NET Framework perché alcuni di essi sono intrinsecamente legati al mondo Windows e quindi non possono essere applicati su OS X e Linux, i sistemi operativi per cui è disponibile .NET Core (oltre a Windows). Inoltre Core non ha tutte le API di Framework e alcune comuni sono implementate in modo diverso, cosa che influenza il porting delle applicazioni da una piattaforma all’altra.

Anche alcuni sottosistemi di Framework non sono supportati da Core, una decisione che è stata presa in modo mirato per semplificare l’implementazione e lo sviluppo nella nuova piattaforma.

Un esempio di sviluppo per .NET Core su OS X
Un esempio di sviluppo per .NET Core su OS X

A parte queste differenze, Core può essere considerato una versione open source e “modernizzata” di Framework insieme agli altri moduli che sono stati rilasciati contestualmente: ASP.NET Core 1.0, Entity Framework Core 1.0 e le estensioni per Visual Studio e Visual Studio Code che permettono di sviluppare per Core 1.0.

Anche il passaggio da ASP.NET ad ASP.NET Core è molto significativo. Microsoft ha colto l’occasione per rendere più “light”, modulare e aperta al cloud la sua piattaforma per lo sviluppo di applicazioni web, non solo per estenderla ad altri sistemi operativi. E questa evoluzione non è limitata a .NET Core: si possono sviluppare applicazioni ASP.NET Core anche se a eseguirle sarà .NET Framework su Windows.

Cosa prevede Microsoft per il futuro, a questo punto? L’idea complessiva è quella di una evoluzione parallela di .NET Framework, .NET Core e Xamarin. Con focalizzazioni precise: rispettivamente lo sviluppo per Windows, per il cloud in logica cross-platform e per il mondo mobile con la stessa logica trasversale. Il codice generato è in larga parte riutilizzabile tra le tre componenti, che condivideranno le funzioni future grazie al fatto che condividono la medesima libreria di base (la .NET Standard Library).

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore