Rosenberger OSI: nuovo IDP per aumentare affidabilità del data center

CloudDatacenter

IDP (Identification Patch Cord). IDP aumenta l’affidabilità del data center, velocizza e semplifica l’identificazione delle estremità delle patch cord di connessione e contribuisce all’incremento della disponibilità delle applicazioni IT nel data center

Rosenberger OSI alza il sipario su nuovo prodotto: IDP (Identification Patch Cord). IDP aumenta l’affidabilità del data center, velocizza e semplifica l’identificazione delle estremità delle patch cord di connessione e contribuisce all’incremento della disponibilità delle applicazioni IT nel data center. “Spesso durante il funzionamento dei data center è necessario riconfigurare il cablaggio in fibra ottica, generalmente con un intervento manuale sulle patch cord nei cassetti ottici di distribuzione. Purtroppo non è raro che le trasmissioni di dati vengano interrotte tirando il cavo di connessione sbagliato, anche se questo è stato controllato preventivamente in base alla documentazione di cablaggio” spiega Harald Jungbäck, Product Manager Data Center Cabling Systems di Rosenberger-OSI.

Con la realizzazione di Identification Patch Cord (IDP), già disponibile per il mercato italiano,  Rosenberger OSI ha voluto dare risposta al problema appena descritto. La soluzione è possibile grazie a una fonte di luce esterna collegata a un’estremità del cavo di connessione da spostare, in modo da identificare l’altra estremità in modo univoco, sicuro e veloce. Inoltre, l’intervento può essere effettuato da una sola persona durante il normale funzionamento.

Affidabilità operativa economica e ottimale per gli operatori dei data center. Nella soluzione IDP non vengono utilizzati componenti elettrici o elementi ottici attivi, caratteristica che consente una retro compatibilità semplice ed economica del cablaggio in fibra ottica esistente nei data center. “L’utilizzo di IDP non solo aumenta la disponibilità delle applicazioni IT, ma garantisce l’affidabilità operativa ottimale dei data center“, conclude il product manager.

 

Read also :