Eaton, l’energia di qualità è alla base della sicurezza del dato

CloudDatacenterSicurezzaWorkspace

Eaton vuole incrementare la propria quota di business in ambito data center facendo leva sulle qualità di specifica delle proprie soluzioni. Le ultime novità e la strategia declinata da Stefano Cevenini, Product Manager Power Quality e Marketing manager in Eaton Italia

Eaton è una multinazione americana, con sede a Cleveland e fornisce soluzioni all’avanguardia per aiutare i clienti a gestire in maniera efficace, sicura e sostenibile l’energia elettrica. Quattro sono però le macroaree di sviluppo operativein azienda: il settore elettrico appunto (qualità dell’erogazione dell’energia – power quality – UPS, e la protezione di backup della fornitura), un’area veicolare, l’area idraulica e quella meccania. L’azienda ha raggiunto un fatturato a livello globale di 20,4 miliardi di dollari nel 2017 e oggi conta 96mila dipendenti.

In occasione di Smau 2018 abbiamo incontrato Stefano Cevenini, Product Manager Power Quality e Marketing manager per le aree di sua competenza in Eaton Italia, il cui compito primario è quindi la protezione del cliente a livello energetico, ovvero la salvaguardia sui potenziali rischi da perdita di carico, blackout, disturbi per anomalie nel flusso di energia entrante in azienda o in una struttura considerabile come critica (pensiamo quindi anche agli ospedali).

Stefano Cevenini, Product Manager Power Quality e Marketing manager per le aree di sua competenza in Eaton Italia

Spiega Cevenini: “Per questo offriamo gruppi di continuità, backup basati su batterie ma anche supercondensatori, tutto quello che riguarda la distribuzione elettrica tramite le PDU (Power Distribution Unit) e gli ATS (commutatori statici). I nostri clienti tipo sono imprenditori, gli ambienti industriali il target, ma anche gli IT manager, gli installatori e per quanto riguarda il mercato informatico il relativo canale”.

In Italia Eaton da qualche anno ha iniziato ad approcciare anche il mercato data center sia di piccola sia di media grandezza, sempre per quanto riguarda il proprio ambito di azione. Proprio ad Aruba, Eaton propone le sue PDU, sia le chiusure di presa per evitare lo scollegamento accidentale dell’alimentazione. In altri DC, Eaton invece ha fornito un range molto più ampio della propria offerta quindi UPS, rack, PDU, per una protezione a livello globale. Tra le case history più interessanti quella di Asco Tlc, con cui hanno progettato soluzioni di

protezione di tutta le rete dati del loro data center.

A Smau, Eaton è legata per la sua proposta sul canale informatico, e vi arriva con una proposta di contenimento rack RA, basata su tre tipi di unità (27-42-47U). All’interno dei rack si possono collocare gli UPS monofase 9SX che integrano la gamma già esistente, da 5 a 11 Kilovolt Ampere (kVA), con una parte bassa di gamma che va da 700 Volt Ampere fino appunto al massimo di 11 kVA. Inoltre arriva il modello 91PS (un UPS sia monofase/monofase sia trifase/monofase) con riconoscimento automatico della tensione in ingresso a seconda dell’alimentazione cliente fino a 8-30 Kilowatt, con oltre il 96 percento di efficienza in doppia conversione. Permette sostituzione di moduli e batterie a caldo con ingombri ridotti.

Eaton 91PS e 93PS
Eaton 91PS e 93PS

Eaton approccia il mercato praticamente in modo indiretto sfruttando la distribuzione elettrica sia e informatica con un fatturato in netta crescita su queste tipologie di canale. Cevenini: “Il fatturato ci dà ragione perché proprio su queste tipologie di canale è pressoché sempre in aumento”. Il business italiano in ambito Power Quality è valutabile in diversi milioni di euro di fatturato sostanzialmente ben ripartiti tra quello che è il mercato elettrico e quello che è il mercato informatico. Il 70 percento del mercato Eaton riguarda le soluzioni monofase e il 30 percento quelle trifase.

“Il mercato – prosegue Ceveninisi conferma di anno in anno come relativamente lineare ma comunque in crescita anno su anno di qualche punto percentuale, e vediamo un naturale  aumento delle potenzialità per questa tipologia di prodotti. Ovunque si parla di digitalizzazione e di protezione del dato non si può infatti non parlare di continuità energetica e backup di erogazione, non solo a livello industriale ma anche a livello residenziale”. Al mercato residenziale/terziario (circa il 60 percento per Eaton) vengono proposti UPS di piccola taglia (protezione pc, modem, stampanti) dotati di protezione di backup e sovracorrenti, ma anche con UPS appena più grandi ma senza ventole e quindi estremamente silenziosi, per esempio i modelli Ellipse Eco.

Eaton ora vuole incrementare il proprio business in ambito data center tramite anche un impegno importante di engagement con gli studi di progettazione per migliorare l’accesso dei prodotti proprio facendo leva sulle specifiche tecniche delle soluzioni, piuttosto che sul prezzo.
Obiettivi per il 2019, la crescita di fatturato e un ancora più ampio portafoglio. Arriveranno nel primo quarter nuovi UPS trifase e un nuovo 91PS in versione Marine (per gli ambienti marini), oltre a soluzioni specifiche per il medicale (sale operatorie).

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore