CloudGuard, un’unica protezione per tutto il cloud

CloudIaasSaasSecurity managementSicurezza

CloudGuard è la nuova famiglia di soluzioni di sicurezza contro le minacce di V generazione. Offre protezione delle applicazioni cloud aziendali, delle infrastrutture e dei dati

Check Point Software Technologies ha annunciato una nuova famiglia di soluzioni per la sicurezza in cloud. Il suo nome è CloudGuard, nata per proteggere le aziende dagli attacchi di quinta generazione. Sono quelli che si caratterizzano per la portata su larga scala e la rapidità di diffusione in tutti i settori. Coinvolgono i dispositivi mobili, i sistemi cloud e le reti aziendali, e aggirano facilmente le tradizionali protezioni basate sul rilevamento statico attualmente utilizzate dalla maggior parte delle organizzazioni.

La proposta di Check Point si innesta in uno scenario in cui l’adozione del cloud nelle aziende sta accelerando, ed effettivamente consente una maggiore agilità ed efficienza operativa attraverso l’implementazione di infrastrutture cloud ibride come Amazon Web Services, Microsoft Azure e Vmware Nsx, con la migrazione verso applicazioni basate su cloud come Microsoft Office365, Google G-Suite, Salesforce, Servicenow, Slack, Box, Dropbox, Egnyte e altro ancora. Quella che si sta abbracciando è proprio l’era multicloud. In questa evoluzione – non solo infrastrutturale – si registra un aumento degli attacchi multi-vettore ai carichi di lavoro cloud e alle applicazioni cloud, oltre all’incremento dei furti di account.

CloudGuard Saas – La consolle di gestione

CloudGuard quindi dovrebbe essere in grado di proteggere applicazioni e infrastrutture, inoltre con CloudGuard Saas è offerta la protezione dagli attacchi alle applicazione fruite in modalità “As A Service”. Non solo, CloudGuard SaaS previene anche il furto dell’account, utilizzando la tecnologia ID-Guard (in questi giorni in attesa del brevetto).

Nello specifico CloudGuard è una componente dell’architettura Infinity, basata su tecnologie collaudate, le principali sue caratteristiche sono la protezione dalle minacce zero-day, quindi la protezione dagli APT (advanced persistent threat) e dai malware sconosciuti zero-day per le applicazioni SaaS utilizzando sandboxing in tempo reale, protezione ransomware, tecnologie anti-bot e intelligence delle minacce in tempo reale basata su cloud. Con ID-Guard, CloudGuard identifica gli accessi non autorizzati ai servizi Saas bloccandoli, e inoltre la famiglia offre crittografia dei dati sensibili, bloccando e mettendo in quarantena la condivisione non autorizzata dei file.

vSEC, già noto per la protezione Iaas, ora entra nella famiglia con il nuovo nome di CloudGuard Iaas, ma continua a offrire protezione dagli attacchi all’infrastruttura e ai carichi di lavoro per tutte le principali piattaforme cloud pubbliche e private tra cui: Amazon Web Services, Google Cloud Platform, Microsoft Azure, Cisco ACI, OpenStack, VMware NSX, VMware Cloud su AWS, VMware ESX, Alibaba Cloud, KVM, Hyper-V e altro.

Check Point CloudGuard Iaas è già disponibile. CloudGuard SaaS sarà invece disponibile all’inizio del secondo trimestre 2018.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore