Nfon sbarca in Italia. L’economia italiana è ancora trainante

CloudCloud managementMobile OSMobility

Il provider cloud PBX pan europeo Nfon sbarca in Italia con una sede commerciale. Si tratta del quattordicesimo paese in cui il gruppo risiede. Marco Pasculli managing director Italia

Sbarca in Italia Nfon, provider cloud PBX pan europeo. Nata in Germania nel 2007 e sbarcata alla Borsa di Francoforte nel segmento standard con l’Ipo nel 2018, la società apre in Italia una filiale commerciale attraverso una propria controllata. Il Bel Paese è il quattordicesimo in cui il gruppo Nfon è attivo.

Hans Szymanski

Dodoci anni sono necessari per far dire ad Hans Szymanski, ceo e cfo di Nfon, che la società è una ‘startup adulta, si occupa di 30 mila clienti, lavora con più di 2 mila partner”. Con il lancio del nuovo prodotto di punta Cloudya e l’acquisizione di Deutsche Telefon Standard AG all’inizio dell’anno, la società  saluta con soddisfazione i numeri nel primo anno di quotazione tanto che i risultati preliminari 2018 vedono crescite a due cifre.

Markus Krammer, VP product new business e m&a Nfon, sottolinea come il cloud si stia affermando ma anche consolidando. “La concentrazione tra PBX e Unified communication as a service è conclamato e il passaggio alla comunicazione in cloud crea un’opportunità nel mercato del cloud PBX. Ma qual è il driver? La flessibilità e la semplicità”.

Markus KrammerNFON

 

Marco Pasculli è il managing director di Nfon Italia che oggi ‘apre le danze in Italia’, definito un mercato cruciale. L’interesse di NfonAG non si limita alle classiche strutture aziendali italiane. Pasculli vanta un’ampia esperienza acquisita nel corso delle svariate posizioni a livello dirigenziale ricoperte presso aziende del calibro di Huawei (Enterprise Division), Nortel Networks, Avaya e, più recentemente, in qualità di Vice President Communications Business Engine presso Alcatel-Lucent Enterprise “L’economia italiana è interessante perché è considerata ancora trainante – dice – le aziende fanno export, molte Pmi e il tasso di adozione dei centralini telefonici in cloud, rispetto ad altri paesi, è il più basso in Europa e per noi si tratta di una opportunità, di essere il driver trainante verso questa trasformazione. Ci siamo poi domandati se la telefonia professionale fosse ancora importante e ci siamo risposti che lo è perché è lo strumento con cui le imprese fanno business e attraverso cui si cercano opportunità, contatti, supporto ai clienti commerciali e tecnici. Inoltre – continua Pasculli – l’Italia ha una geografia meravigliosa: catena montuosa infinita, costa lunga e un mercato del turismo che vede 33 mila hotel e oltre 20 mila agriturismi, quindi un pubblico elevato e un bacino di necessità di incontro realtà che interagiscono con il web. Abbiamo pensato al contact center in cloud e da qualche anno a questa parte forniamo questo servizio as a service: si acquista la tecnologia e ogni mese ci si disegna l’utilizzo che serve. Oltre 56 mila strutture alberghiere per le quali il telefono va integrato con il servizio in cloud. Soluzioni premium quali Nhospitality o Ncontactcenter svolgono un ruolo essenziale nella modernizzazione delle esigenze di comunicazione all’interno di interi comparti industriali. Se pensiamo a quei settori nei quali è previsto stipulare contratti via telefono, o si devono registrare le telefonate, si deve agire in modo attento alla legalità della registrazione. Quindi per le aziende che possono effettuare contrattualistica online o al telefono, offriamo questo tipo di investimento. Infine il prezzo, predeterminato, compreso di tutto, a 8,80 euro per utente”, spiega il managing director.

Nfon parte con sette persone in Italia, a oggi lavora con system integrator, service provider plug and play, nel mondo, in Italia tutto è da costruire e partono oggi.

Read also :
  • cloud
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore