Cisco e AWS, partnership su Kubernetes per spostare le applicazioni in cloud

CloudCloud management

Cisco e AWS propongono Cisco Hybrid Solution for Kubernetes on AWS per consentire di portare in cloud in modo semplice le applicazioni

Cisco e Amazon Web Services (AWS) hanno annunciato un nuovo prodotto cloud per le aziende. Il suo nome, per nulla iconico, ma certo esplicativo ne svela la natura: Cisco Hybrid Solution for Kubernetes on AWS. Il nuovo servizio servirà alle aziende per spostare facilmente le proprie applicazioni in cloud tra il proprio data centere e AWS.

Ecco come. In pratica la soluzione fornisce la gestione IAM (AWS Identity and Access Management) attraverso l’integrazione della piattaforma container Cisco con Amazon Elastic Container Service for Kubernetes (EKS).

I benefici di Kubernetes…

Il servizio si basa sostanzialmente su Kubernetes. E’ lo strumento open source di orchestrazione e gestione di container. E’ stato sviluppato dal team di Google ed è uno dei tool più utilizzati a questo scopo.

Kubernetes permette di eliminare molti dei processi manuali necessari nel deployment e nella scalabilità di applicazioni containerizzate e di gestire facilmente i cluster di host su cui vengono eseguiti i container.

Cisco Kubernetes AWS
Cisco Hybrid Solution for Kubernetes AWS

Così facendo, AWS e Cisco offrono un ulteriore strumento a quelle aziende che non sono ancora pronte ad adottare completamente il cloud.

… per un approccio ibrido al cloud

La proposta favorisce il passaggio dei clienti quando il bisogno primario è comunque ancora quello di eseguire determinati progetti sul proprio hardware, soprattutto per motivi di riservatezza e di regolamentazione.

Cisco aveva precedentemente annunciato partnership con Google e Microsoft, gli altri due principali fornitori di cloud. Ma Amazon è di gran lunga il leader del mercato delle infrastrutture cloud.

Il gruppo, specializzato nell’ambito server, guidato da Mark Patterson venderà e fornirà supporto commerciale per questa tecnologia, con un ticket  d’ingresso di 65mila dollari all’anno a partire dal mese prossimo, quando sarà disponibile.

Kip Compton, Senior Vice President, piattaforma cloud e soluzioni Cisco, spiega: “Oggi, la maggior parte dei clienti è costretta a scegliere tra lo sviluppo di applicazioni on-premise o cloud. Questo può generare una combinazione di ambienti, tecnologie, team e fornitori troppo complessa. Ora, gli sviluppatori possono utilizzare gli investimenti esistenti per creare nuove applicazioni cloud al servizio dell’innovazione. Questo rende più facile l’implementazione e la gestione di applicazioni ibride, indipendentemente dalla loro ubicazione. E ai clienti di ottenere il massimo dal cloud e dai loro ambienti on-premise con un’unica soluzione”.

Read also :