Workspace

Seagate produce i primi dischi Sas da 1 Tb

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Il costruttore ha creato una nuova versione del proprio modello Barracuda Es.2, fin qui disponibile solo in tecnologia Sata

Seagate ha dato il segnale di partenza per la produzione degli hard disk Barracuda Es.2. Questi dispositivi saranno i primi, secondo la società, a proporre una capacità da 1 Tb in interfaccia Sas (Serial Attached Scsi). La citata tecnologia assicura un accesso ottimizzato ai dati delle applicazioni critiche. Seagate si azzarda a parlare di un miglioramento del 135% delle prestazioni rispetto a un hard disk Sata.

La versione da 1 Tb è una declinazione del Barracuda Es.2 di medesima capacità già disponibile con interfaccia Sata. Entrambi condividono le stesse caratteristiche tecniche, a differenza delle dimensioni della cache, da 16 Mb in Sas e da 32 Mb in Sata. Per il resto, troviamo velocità di rotazione da 7.200 tr/min, tempo di latenza da 4,16 ms, tempi medi di accesso in lettura e scrittura rispettivamente da 8,5 ms e 9,5 ms. Il disco è disponibile in versioni da 500 e 750 Gb. In occasione del lancio, Hp ha fatto spere di volerlo integrare nella propria gamma ProLiant.