Workspace

Questioni di memoria

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Tecnologia

Ibm ha annunciato una tecnologia che pu raddoppiare le prestazioni della memoria e ridurre i costi delle configurazioni dei server. Secondo Ibm, con questo prodotto – chiamato Mxt (Memory eXpansion Technology) – i consumatori possono ridurre i costi acquistando met della memoria per ottenere le stesse prestazioni, oppure aumentare le prestazioni installando la stessa quantit di memoria al fine di ottenere il doppio della capacit. Questa nuova architettura usa un algoritmo hardware veloce per archiviare dati e istruzioni ad accesso frequente. Di conseguenza, laccesso pu avvenire in modo immediato, mentre i dati usati meno di frequente vengono compressi e archiviati in memoria invece che su disco.

E uno schema architetturale complesso ma valido, afferma Brian Andrews, manager del gruppo di supporto tecnico della societ di networking BlackBox. Normalmente, la compressione dei dati rallenta notevolmente la macchina. La tecnologia Mxt usa invece una cache condivisa per affrontare il problema della latenza. La tecnologia Mxt incorpora un nuovo livello di cache, progettata per gestire dati e istruzioni su un chip controller della memoria. Con una combinazione tra i nuovi algoritmi di compressione basati sullhardware e milioni di piccoli transistor, i ricercatori di Ibm sono riusciti a raddoppiare la capacit nella memoria dei server per la maggior parte delle applicazioni. Ibm sostiene che ci rende possibile una capacit di memoria meno costosa, aggiungendo che questa memoria ad alta velocit aumenta le prestazioni fino al 49% per le operazioni server che fanno un uso frequente della memoria. Secondo Ibm, grazie allelevato livello di integrazione, un server con tecnologia Mxt e 1 GB di Ram pu offrire lo stesso livello di prestazioni di un sistema con 2 GB di Ram che non usi questa tecnologia.

Il primo prodotto a usare questa tecnologia la xSeries 330 basata su Intel un server a doppio chip, montato in rack che verr usato in ambienti caratterizzati da limitazioni di memoria, come il serving Web, caching, firewall e bilanciamento dei carichi. Susan Whitney, general manager di Ibm eServer xSeries, afferma Dal momento che la memoria pu contare per una percentuale compresa tra il 30 e il 50% nel costo totale della maggior parte delle configurazioni server basate su Intel, la disponibilit di una tecnologia come Mxt costituisce un progresso che cambier le regole del gioco.

Ibm afferma che una tipica configurazione montata a rack e basata su Windows 2000 o Nt server potrebbe ottenere la massima capacit di memoria di 168 GB usando soltanto la met del numero di GB installati nella nuova tecnologia. Ibm ha fornito in licenza questa tecnologia alla sussidiaria di Broadcom ServerWorks, che la render disponibile ad altri produttori di server, ma afferma che con landare del tempo potrebbe decidere di incorporarla anche in prodotti di fascia pi alta. Il sistema ServerWorks Mxt integra una cache avanzata L3 esterna a quattro vie da 32 MB, usando componenti DDR Dram a 200 MHz. Il controller della memoria principale del sistema offre una larghezza di banda di memoria fino a 2.1 Gbps. ServerWorks vende i suoi chipset per i sistemi basati su Intel ad alcuni concorrenti di Ibm, che comprendono Dell, Compaq e Hewlett-Packard.