ComputerWorkspace

AMD lancia Ryzen, la prima linea di processori con core Zen

Giornalista e collaboratore di TechWeekEurope, si occupa professionalmente di IT e nuove tecnologie da oltre vent'anni e ha collaborato con le principali testate italiane di settore

Follow on: Linkedin

Ryzen promette di dare battaglia a Intel nel campo delle CPU desktop e notebook ad alte prestazioni, puntando anche su una bassa dissipazione termina

AMD ha presentato ufficialmente, anche se ancora come anteprima, i futuri processori desktop ad alte prestazioni basati sulla nuova architettura Zen. La nuova linea arriverà sul mercato nel 2017 ed è stata battezzata Ryzen, marchio che si estenderà a tutti i processori per desktop e notebook che adotteranno i core in architettura Zen. Il pubblico a cui AMD si è rivolta per il lancio di Ryzen è quello dei gamer e degli appassionati, banalmente perché in questa fase del mercato sono quelli più disposti a spendere in ambito consumer, ma i nuovi processori sono d’interesse per molte altre applicazioni.

Insieme a Ryzen arriva anche SenseMI, un insieme di cinque tecnologie studiate per monitorare lo stato delle CPU e ottimizzarne di conseguenza il funzionamento. In maniera coordinata, le tecnologie Pure Power e Precision Boost si basano su un centinaio di sensori di temperatura, voltaggio e potenza per regolare in tempo reale alcuni parametri operativi dei chip Ryzen, in particolare la frequenza di clock con incrementi anche di soli 25 MHz.

La funzione Extended Frequency Range alza la frequenza operativa, per avere prestazioni migliori, quando rileva l’aggiunta di un sistema per il raffreddamento del processore, mentre le altre due tecnologie di SenseMI – Neural Net Prediction e Smart Prefetch – usano algoritmi predittivi per prevedere il comportamento delle applicazioni e preparare in anticipo i dati di cui avranno bisogno.

amd-zen-1L’evento di lancio di Ryzen è stato soprattutto l’occasione per ribadire il suo livello di prestazioni rispetto agli analoghi processori Intel. AMD ha mostrato il funzionamento della versione a 8 core e 16 thread con frequenza operativa di 3,4 GHz e indica che le prestazioni sono al livello del processore Intel Core i7 6900K. La differenza importante è che la CPU Intel è una versione a 140 Watt mentre Ryzen è a 95 e, spiega AMD, ha funzionato sempre alla frequenza base, senza Turbo Boost (la frequenza “boost” di Ryzen non è nota al momento).

AMD ha dichiarato che i processori Ryzen per desktop sono previsti per il primo trimestre 2017 mentre quelli per notebook arriveranno nella seconda metà del prossimo anno. Il prezzo al lancio sarà un elemento chiave: se AMD sceglierà la strada dei costi molto aggressivi potrebbe mettere pressione a Intel, che nella fascia delle CPU desktop ad alte prestazioni ha cartellini del prezzo “importanti”.