Sistemi OperativiWorkspace

Aggiornamenti Windows migliori con la Unified Update Platform

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Google + Linkedin Iscriviti alla newsletter Lascia un commento

La Unified Update Platform è un nuovo approccio con cui Microsoft gestirà gli update di Windows 10 a partire dalla Creators Update

Il passaggio a Windows 10 non è stato indolore per molti e anche Microsoft ora ammette che la gestione degli aggiornamenti della piattaforma client potrebbe e dovrebbe essere migliore. In particolare dovrebbe dare agli utenti un maggiore controllo su quando installare gli update e rendere questi ultimi genericamente più “leggeri”, quindi di dimensioni più ridotte e che impongano un carico elaborativo minore al client. La risposta a queste esigenze arriverà con i prossimi aggiornamenti ed è stata chiamata Unified Update Platform (UUP).

La Unified Update Platform è in sintesi un nuovo modo di gestire gli aggiornamenti incrementali delle varie versioni di Windows che muoveranno PC, tablet, smartphone, dispositivi IoT e i nuovi visori HoloLens per la realtà virtuale. I primi a sperimentarla saranno gli iscritti al programma Windows Insiders, il grande pubblico la sperimenterà con il passaggio a Windows 10 Creators Update perché la UUP sarà l’approccio con il quale saranno eseguiti gli aggiornamenti successivi a quella versione.

Windows 10  upgrade
Windows 10 upgrade

Gli aggiornamenti della Unified Update Platform saranno in primo luogo più contenuti. Microsoft stima che le loro dimensioni dovrebbero nel caso dei PC calare del 35 percento circa, mediamente, grazie a un approccio incrementale. Gli aggiornamenti conterranno solo le modifiche al codice che sono state apportate dopo l’ultimo aggiornamento eseguito sullo specifico device e non tutta la build.

È stato modificato anche il modo in cui i singoli client controlleranno la presenza di eventuali update da scaricare. Sarà soprattutto il servizio Windows Update a definire quali aggiornamenti sono necessari per uno specifico dispositivo, spostando buona parte del carico elaborativo di questo controllo dal client ai server Microsoft. Il risultato è una maggiore velocità delle procedure di verifica degli aggiornamenti, in particolare per i dispositivi mobili.