Workspace

Nuove accuse verso Intel da parte di Amd e Nvidia

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

I chipmaker rivali trovano un nuovo terreno di scontro sul futuro dell’Usb

Se il processo intentato da Amd contro Intel per pratiche anti-concorrenziali non inizierà prima del febbraio 2010, sul futuro standard Usb 3.0 si sta aprendo un nuovo fronte di scontro. Questa tecnologia, che dovrebbe avere una velocità dieci volte superiori rispetto all’attuale Usb 2.0 (quindi raggiungere i 5 Gbit/s), dovrebbe essere finalizzata nel 2009 e fare subito dopo la propria apparizione nei computer o altri dispositivi mobili presenti sul mercato.

Amd e Nvidia hanno accusato Intel di non comunicare le prime specifiche su questo formato, limitando di fatto lo sviluppo, da parte dei concorrenti, dei loro chipset e processori compatibili con questo standard. Stando così le cose, Amd, Nvidia, Via Technologies e altri membri dell’Usb Implementers Forum, potrebbero decidersi a creare proprie specifiche Usb 3.0 per avere prodotti da offrire ai clienti al momento giusto.

Fonti prossime ai costruttori di chipset hanno fatto sapere alla stampa di non avere alcuna intenzione di lasciare Intel da sola sul mercato nei prossimi mesi. L’accusata, da parte propria, ha spiegato di aver stabilito un certo percorso di sviluppo e quindi, al momento, non serve a niente rilasciare specifiche che risulterebbero inevitabilmente incomplete. Quale che sia l’evoluzione prescelta, i prodotti Usb 3.0 non dovrebbero essere disponibili in quantità prima del 2010.