Workspace

HP con la nuova piattaforma per Idol10 analizza le informazioni di uomini e macchine

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

La piattaforma di analytics Autonomy Idol 10 lanciata a HP Discover in Vienna gestisce dati non strutturati per le imprese. Appliance di analisi dei dati a tutto campo con tecnologia Vertica

HP ha annunciato il suo primo prodotto dall’acquisizione di Autonomy . Il software di data analytics Idol 10 , in combinazione con un’altra tecnologia derivante da un’altra acquisizione , quella di Vertica, sarà in grado” per la prima volta di gestire il 100 per cento delle informazioni “ . Oggi solo il 15% dei dati si presenta in un formato strutturato comprensibile ai computer. La “human information”, ovvero i dati presenti all’interno di video, audio, email, testi, social media e altro ancora, costituisce l’85% del patrimonio informativo globale e, includendo idee e concetti, ne arricchisce e completa il significato. Inoltre, l’aumento dei volumi di “extreme information”, provenienti da tag e sensori, fornisce alle aziende nuove e interessanti opportunità. Questo continuum di dati pone sfide concrete alle imprese. La nuova piattaforma sarà in grado di “comprendere “ i dati in base al contesto e non a parole chiave e li analizzerà in tempo reale.

Mike Lynch, fondatore di Autonomy, ha messo in luce la differenza tra questi due tipi di dati , Autonomy lavora con “dati umani” da fonti come i social media e le email, , mentre Vertica lavora su informazioni grezze che le persona non riescono a comprendere. Il software fa parte della strategia Instant On di HP e riflette il cambiamento di strategia in corso da parte di HP verso i servizi
L’annuncio secondo Lynch mette in luce la complementarietà tra la tecnologia di Autonomy e i servizi di HP che in più offre un hardware di qualità, sia server che storage, al software di Autonomy. Le nuove appliance HP Autonomy per archiviazione, eDiscovery ed Enterprise Search sono studiate per offrire alle organizzazioni soluzioni “chiavi in mano” semplificate e affidabili per queste specifiche applicazioni. Potenziata da Idol 10, la nuova appliance di archiviazione permette di usare ed estrarre velocemente metadata da tutti i tipo di dati e di fonti. L’appliance eDiscover fornisce analisi dei punti di dati critici per delimitare status, volume dei dati e i trend di litigation. Grazie all’appliance Enterprise Search, le aziende possono categorizzare, collegare, recuperare e profilare tutte i formati di dati per fornire grandi volumi di informazioni ad essi pertinenti.

I nuovi annunci offrono una prima visione della nuova strategia di HP basata su software e servizi, Le ragioni finanziarie della scelta , fatta ancora nella gestione Apotheker, stanno nei risultati di bilancio rilasciati da HP poche giorni fa. L’analisi del fatturato mostra che i servizi ( non finanziari) hanno raggiunto una quota vicina la 29 per cento del fatturato con una crescita dell’1,2 per cento anno su anno , ma con un margine di profitto del 13 per cento. Il software poi è solo un 3 per cento del fatturato totale , ma è cresciuto anno su anno del 18 per cento e contribuisce al fatturato con un margine di profitto del 28 per cento. Per fare un confronto mentre i server e lo storage occupano il 18 per cento del fatturato annuale con un margine del 13 per cento , i personal computer che pur rappresentano il 31,5 per cento del fatturato HP contribuiscono con un margine di profitto del 5,7 per cento.(GF)

Di’ la tua in Blog Café: Meg Whitman, ceo di HP: basta confusione