Workspace

Amd Puma sfida Intel Centrino

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

A Computex Amd risponde a Centrino 2 Mobile di Intel lanciando un’architettura mobile destinata ai notebook. Turion X2 Ultra è il primo chip mobile di Amd

Mentre Montevina slitta, Amd approfitta della “gaffe” di Intel per tirare fuori gli artigli di Puma: Turion X2 Ultra è il primo processore per notebook di Amd.
A Computex oggi è il giorno di Puma di Amd. Amd Puma sfida Intel Centrino con un’architettura mobile, integrata, con al cuore una Cpu nota con il nome in codice Griffin. Il chipset d’elezione invece è M780G. Amd Puma scommette sulle prestazioni grafiche come l’alta definizione. Secondo Amd, l’architettura Puma è 5 volte superiore rispetto a quella concorrente di Intel basata su Core 2 Duo. Per gli amanti dei videogame Amd punta sulla GPU ATI HD3000 Series, in grado di supportare l’Hybrid CrossfireX e la tecnologia PowerXpress.

Forte dell’acquisizione di Ati, sarebbe proprio il comparto grafico 3D, secondo Amd, a fare la differenza, in un mercato in cui il price point tra 499 e 599 euro fa registrare una crescita del venduto in unità nell’anno 2007 sul 2006, mentre per il mercato dei computer oltre i 1.500 euro lo spazio è destinato a ridursi sempre di più. Musica, foto e mobility a basso prezzo, dunque. Queste sarebbero le richieste del pubblico, ma anche 3D e montaggio video. Per questo Amd ha ripensato anche gli sticker che servono a identificare la destinazione d’uso dei notebook (live, game, business class).

Sul versante sicurezza, Amd poi supporta i sistemi di autenticazione tramite smart-card e biometria. SurroundWiev supporta in modo nativo la visualizzazione su ben quattro monitor simultaneamente, mentre Vari-Bright è in grado di aumentare l’autonomia, grazie alla gestione dinamica della retroilluminazione del display in base ai contenuti visualizzati e alle condizioni ambientali.
Sul fronte connettività, Puma supporta Wi-Fi 802.11 a/b/g/n e connessioni 3G (Centrino 2 Mobile supporterà anche il WiMax).
Acer, Dell, Hewlett-Packard e Toshiba, secondo il direttore del mobile business di Amd, Bahr Mahony, saranno i primi computer a montare Puma nelle prossime settimane.
Dopo un 2007 da dimenticare, con i ritardi del quad core Barcelona, Puma è l’occasione per Amd per voltare pagina.