Workspace

Amd accelera sul fronte grafico

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Con la seconda generazione dei processori grafici FireStream, il chipmaker vuole occupare il terreno del calcolo ad alte prestazioni

Spostando per un momento l’attenzione dalle Cpu core dei sistemi, Amd ha presentato il nuovo processore grafico FireStream 9250, che va a rimpiazzare il precedente modello 9170. Il successore si segnala soprattutto per il raddoppio della capacità di calcolo, passata da 500 gigaflops/s a 1 teraflop/s, che equivalgono a un miliardo di operazioni in virgola mobile al secondo, per un consumo elettrico di 150 watt e con memoria da 1 Gb.

Questo “bestione” del calcolo ha un valore di circa 1.000 dollari e può inserirsi in ogni tipo di pc, server o Workstation, attraverso una semplice interfaccia Pci Express. Contrariamente a quello che la sua denominazione di processore grafico o Gpu (Graphic Processor Unit) potrebbe suggerire, il destino del FireStream 9250 non è quello di visualizzare delle belle immagini, ma di sostenere massicce quantità di calcolo parallelo in poco tempo. I settori più interessati dovrebbero essere la ricerca scientifica, le università, le imprese finanziarie e il petrolchimico.

Tuttavia, non basta dotare un pc di questo chip potente per vedere il miracolo della moltiplicazione della velocità. Occorre, in effetti, che le applicazioni siano adattate al calcolo grafico o allo stream processing. Non tutti i programmi si prestano. Un’operazione ripetitiva di calcolo statistico può vedere il proprio tempo di esecuzione considerevolmente ridotto, ma in compenso le operazioni legate ai database rimangono meglio gestite dalle Cpu tradizionali.

Per creare applicazioni adattate al nuovo tipo di architettura, Amd propone il kit idi sviluppo Brook+, che utilizza un linguaggio simile al C. Il chipmaker ha anche aderito al consorzio Khronos Group, che ha da poco creato un gruppo di lavoro per definire un linguaggio di programmazione comune per tutti i processori grafici. Battezzata OpenCl, questa nuova sintassi dovrebbe permettere l’interoperabilità del codice su differenti tipi di Gpu.