AccessoriWorkspace

IDC: cresce a gran velocità il mercato della realtà virtuale

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Google + Linkedin Subscribe to our newsletter Write a comment

Da qui al 2021 il numero di visori per la realtà virtuale e aumentata si decuplicherà arrivando a quasi cento milioni

Una forte crescita, specie nel segmento business, grazie all’arrivo sul mercato di nuovi dispositivi e soprattutto contenuti e applicazioni. È la previsione di IDC per il comparto dei visori di realtà virtuale e aumentata, che secondo gli analisti sono stati venduti in poco più di dieci milioni di esemplari nel corso del 2016 e che invece andranno a sfiorare i cento milioni nel 2021. Per i cinque anni del periodo considerato si tratta di una crescita media annua del 58 percento.

Per IDC il mercato è stato spinto l’anno scorso soprattutto dagli appassionati di novità tecnologiche ma ha anche mostrato che ci sono profili di utilizzo convincenti in ambito sia business, e per diversi mercati verticali, sia consumer, nel campo del gaming e della fruizione di contenuti. Il mercato si è insomma cominciato a strutturare indicando vari suoi aspetti su cui i produttori possono lavorare nel prossimo futuro.

idc-vr-ar-2In campo enterprise le applicazioni della realtà virtuale e aumentata sono soprattutto legate alla produttività e nello specifico al suo aumento. La possibilità di avere davanti agli occhi informazioni che di norma sarebbero su un monitor permette di attivare nuovi processi o comunque di velocizzare quelli già esistenti. Alcuni settori verticali sono già ben posizionati per sfruttare questa possibilità: manufacturing, design, sanità, trasporti, retail.

Per quanto riguarda il mondo consumer gli utilizzi sono più evidenti e legati alla fruizione di contenuti in maniera “immersiva”. Può trattarsi di contenuti collegati a luoghi ed eventi reali o alla simulazione più estrema del gaming. Rispetto alle applicazioni business qui conta molto di più l’elemento della condivisione, che aggiunge appeal alle nuove applicazioni.

idc-vr-ar-1In tutto questo la realtà virtuale resta prevalente rispetto alla realtà aumentata, anche se le sue potenzialità sono molto interessanti. Ne è prova il fatto che il numero di visori per la realtà aumentata resterà minoritario nel periodo 2016-2021 considerato da IDC ma la crescita del relativo mercato sarà in valore molto più marcata fino a portare a un netto sorpasso. Nel 2016 si sono venduti visori di AR per circa 209 milioni di dollari contro i 2,1 miliardi della VR, nel 2021 questi valori saliranno rispettivamente a 48,7 e 18,6 miliardi di dollari.

È anche una questione di costi del singolo visore, fa notare IDC. Nel caso della realtà virtuale ci sono già modelli da meno di mille dollari, anche se di qualità dubbia, mentre la complessità dei visori da realtà aumentata ne mantiene i prezzi ben al di sopra di quella soglia.