Sistemi OperativiSoftwareWorkspace

WPC 2010, Windows 7 e Server si migliorano per le aziende

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

A WPC 2010 Microsoft annuncia Service Pack 1 Beta per Windows 7 e Windows Server 2008 R2. L’appliance della piattaforma Windows Azure combina Windows Azure e Microsoft SQL Azure con hardware Microsoft

In stretta coincidenza con la fine del supporto a Windows XP service Pack 2, Microsoft ha annunciato la disponibilità in versione beta del Service Pack 1 per Windows 7 e Windows Server 2008. L’annuncio avvenuto nel corso della annuale WPC (Worldwide Partner Conference) 2010 serve da incoraggiamento per le aziende a passare a Windows 7 e a rassicurare i partner del successo di Windows 7.

Gli esperti ricordano che dall’annuncio dello scorso ottobre di Windows 7, Microsoft è stata molto riluttante a confermare una data di rilascio per il Service Pack, perché questo pregiudicava una veloce adozione del nuovo sistema operativo da parte di chi invece voleva attendere con cautela un sistema operativo più consolidato.
Sul piano tecnico la beta di Windows 7 SP1 presenta pochi aggiornamenti che non siano già disponibili attraverso il tradizionale canale di Windows Update. Quanto a Windows Server 2008 R2 si conferma la presenza di Remote FX , che consente agli utenti remoti di fare leva su grafica 3D e animazioni Silverlight, e Dynamic Memory.

L’evento WPC è stato scelto dai responsabili di Microsoft per altri annunci. Bob Muglia , presidente di Microsoft Server & Tools Business, ha svelato l’appliance basata sulla piattaforma Azure che configura un servizio per trasportare all’interno dei data center le capacità di sviluppo cloud di Azure. L’appliance della piattaforma Windows Azure combina Windows Azure e Microsoft SQL Azure con hardware Microsoft, in grado di potenziare la capacità IT on-demand e di rilasciare più velocemente le nuove applicazioni. Le grandi imprese e i partner service provider, che sviluppano l’appliance nei loro data center beneficeranno dei servizi cloud che Microsoft mette a disposizione oggi, mantenendo contemporaneamente la conformità alle normative e il controllo fisico delle ubicazioni e delle informazioni

Muglia ha inoltre stabilito per il questo trimestre di quest’anno il lancio del progetto Dallas per la business intelligence aziendale basta su informazioni on premise e nel cloud.