Software

Sun vuole Java 100% libero

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Sono in corso sviluppi per portare la piattaforma sotto le principali distribuzioni Linux

È auspicio di Sun che la propria piattaforma Java si possa estendere a un massiccio utilizzo anche nel mondo Linux e possa essere pacchettizzata con la maggior parte delle distribuzioni oggi disponibili. Per ottenere questo risultato, occorre “ripulire” il codice per far sì che Java diventi totalmente open source. Secondo Sun, non resterebbe che un 4% da sistemare per poter ottenere una licenza Gpl, che comprenda principalmente le librerie di crittografia, quelle grafiche, il motore sonoro e certe componenti Snmp.

Nell’attesa, la società sta lavorando con i principali player Linux (Red Hat, Novell e Ubuntu) per rilasciare un aggiornamento del proprio OpenJdk, la piattaforma open source di Java, per portarla sulle principali distribuzioni Linux (come Fedora o OpenSuse). Qualche annuncio in tal senso dovrebbe arrivare in occasione della JavaOne Conference di San Francisco, in programma dal 6 al 9 maggio prossimi.