Software

Si rafforza sempre più il legame fra Salesforce.com e Google

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Le applicazioni online vengono integrate nella piattaforma Force.com, che già conta su 800 programmi capaci di dialogare fra loro

Salesforce.com, campione del Crm online, sta integrando tutte le applicazioni di Google nella propria piattaforma Force.com, nella quale sono già raccolte 800 applicazioni sviluppate da 460 partner.

L’aggiunta di Google Data Api al metalinguaggio Apx permette ai partner, attraverso AppExchange, di integrare ai propri sviluppi l’office automation condivisa di Google (wordprocessor, foglio elettronico), oltre a Gmail, Google Talk e l’agenda. Il nuovo annuncio fa seguito a quello dello scorso aprile, nel quale Salesforce aveva integrato l’office online nell’applicazione di Crm.

Come esempio dell’interesse di Google Data Api, Salesforce cita il caso dello specialista di Erp Coda, che ha già presentato una demo del recupero automatico di dati contenuti nel foglio elettronico di Google attraverso Coda2go, soluzione finanziaria online. I dati dello spreadsheet vanno a inserirsi nel modulo di pagamento di Coda.

L’annuncio dà corpo alla strategia di Salesforce.com, che intende unire applicazioni e piattaforma di sviluppo online, nell’ottica del cosiddetto “cloud computing”. Il prossimo passo in questa direzione dovrebbe essere la proposta di strumenti di migrazione per i 140 milioni di utenti che ancora utilizzano Ibm Lotus Notes. Contrariamente alla proposta dell’accoppiata Microsoft/Exchange, il progetto di Force.com consentirà di conservare gli applicativi sviluppati sotto Notes. Per il vendor, resta ancora aperto il problema dell’espansione verso nuovi clienti, ancora diffidenti su temi come la sicurezza e le garanzie sull’accesso ai dati.