Software

Saas e mashup nel catalogo dell’outsourcing di Capgemini

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Destinata alle grandi aziende, l’offerta della società di servizi transalpina integra le tecnologie Web 2.0

Mentre in patria stanno imperversando gli scioperi dei dipendenti, Capgemini ha deciso di ammodernare un po’ la propria offerta di outsourcing applicativo e di integrarvi nuove tecnologie come il software-as-a-service (Saas) o i mashup (applicazioni Web composite).

Finora, la società di servizi transalpina poroponeva solo servizi tradizionali, come la gestione, il test o la manutenzione applicativa. In ultima analisi, l’intento è di dimostrare ai Cio che l’outsourcing non serve solamente a ridurre i costi, ma anche ad apportare innovazione strategica.

Battezzata Business Aware Application Outsourcing, la nuova offerta integra consulenza, risorse umane e piattaforme in grado di gestire queste nuove declinazioni applicative.

Sul fronte Saas, Capgemini si rivolge tanto ai software da ufficio quanto alle applicazioni più complesse, come gli Erp. Nel settembre 2007, era stata già siglata una partnership con Google per fornire servizi di installazione, di manutenzione e di assistenza ai clienti di Google Apps. Ma l’azienda continua a lavorare con vendor come Sap o Oracle per proporre strategie Saas su tutte le tipologie di clienti. L’idea è che l’esternalizzazione di un Erp semplifica la gestione dei processi informatici. Il ritardo di Sap con l’offerta on demand Business ByDesign non preoccupa la società di servizi e, anzi, dimostra che ciò che conta è la gestione operativa, laddove Capgemini si ritiene meglio posizionata.

Le applicazioni complesse, in compenso, non figurano nell’offerta di mashup. Con questo tipo di tecnologia, l’azienda transalpina si rivolge soprattutto alle piccole applicazioni per la collaborazione, la comunicazione, il marketing o il supporto decisionale, tutti ambiti dove è importante rispondere in maniera rapida e flessibile alle richieste degli utenti. Anche qui Capgemini opera in partnership, in particolare con Serena Software per l’elaborazione di mashup professionali.

La nuova offerta di outsourcing si rivolge soprattutto alle grandi aziende. Non ci sono ancora clienti, ma l’azienda ha sostenuto di aver già attivo qualche sito pilota.