Data storageSoftware

Perché a Vmware interessa Zimbra Email

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Anche applicazioni cloud nel portafoglio di Vmware (Vsphere). Analogia con l’acquisizione di Postini da parte di Google

L’operazione si concluderà in marzo , ma l’annuncio è ufficiale. Vmware comprerà da Yahoo   la software house Zimbra ( software open source di email e collaboration). Poco più di due anni fa Yahoo aveva comprato Zimbra per 350 milioni di dollari.
Per la nuova acquisizione di Vmware gli esperti fanno il confronto con un’altra acquisizione del 2007, quella di Google con Postini ( per 625 milioni di dollari). Nei termini dell’accordo è compresa la possibilità da parte di Yahoo di continuare ad utilizzare tecnologia e servizi Zimbra per Yahoo Mail e Yahoo Calendar.
Gli analisti valutano in 55 milioni le caselle di email aziendali gestite da Zimbra come applicazione onsite o servizio cloud.
Secondo quanto comunicato da Vmware una delle ragioni dell’acquisizione è la capacità della tecnologia di Zimbra di gestire l’interoperabilità con i sistemi legacy di email.
Come spiega Brian Byun , general manager per i Cloud Services di Vmware, “ Zimbra è un grande esempio di quelle soluzioni scalabili per l’era del cloud computing che sono in grado di creare sia piccole applicazioni on premise e grandi applicazioni cloud. Stiamo costruendo un portafoglio di soluzioni che possono essere offerte come appliance virtuale o come servizio cloud da un provider”. Dal punto di vista di Vmware Zimbra è uno degli strumenti di collaborazione che insieme quelli di Microsoft e Ibm sono in grado di convivere al’interno dell’infrastruttura cloud basata su vSphere.