EnterpriseSoftware

Panasonic sceglie il cloud computing di Ibm

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Panasonic e Ibm hanno stretto un accordo per l’impiego del sistema di gestone della posta online per tutti i suoi 380.000 dipendenti. Da Microsoft Exchange a Ibm LotusLive

Il 2010 è l’anno del cloud computing (e, se non ce ne fosse stato bisogno, lo dimostra anche la sy-story tra Google e Cina con la difesa a spada tratta dei propri segreti industriali in materia cloud da parte di Google, tanto da portare la Big G ad attaccare il titano del G2, la Cina).

Il più grande accordo di cloud computing della storia IT vede protagonisti Panasonic e Ibm: il colosso nipponico adotta il sistema di e-mail online per tutti i suoi 380.000 dipendenti. Panasonic passerà da Microsoft Exchange a LotusLive.

Ibm (la regina dei brevetti) ha battuto concorrenti agguerriti come Amazon.com, Google, Microsoft e Salesforce.com. Il cloud computing si riferisce all’uso di risorse hardware o software distribuite in remoto direttamente dalla rete (le cosiddette “nuvole” o cloud). E Ibm, già a suo tempo regina dei mainframe, ha un’ampia offerta cloud computing.

Seconbdo Gartner, il mercato cloud crescerà del 47% nel 2010, fino a raggiungere i 9,6 miliardi di dollari.

Leggi: Idc: Il cloud computing raggiungerà il 10 percento del budget IT