Open sourceSoftware

QUIZ – SUSE e la storia del camaleonte ‘libero’

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

Conoscete SUSE e la sua storia? Vi ricordate quando è nata, il rilascio della prima versione davvero indipendente? Mettetevi alla prova, rispondete al nostro quiz

SUSE è nata in verità con il nome che indicava in modo esplicito un acronimo tedesco – Software und System-Entwicklung e svelava le chiare origini tedesche di questa azienda tra le cui intenzioni non c’era affatto – almeno agli inizi – quella di sviluppare una distribuzione Linux, come poi accadde. SUSE in origine era infatti una azienda fondata da quattro giovani che fornivano consulenza Unix, rilasciavano pacchetti Slackware e pubblicavano manuali.

suselogoSe ci pensate bene l’accuratezza della documentazione è rimasta nel DNA dell’azienda che nella prima decade del 2000 rilasciava le nuove distribuzioni con il logo del camaleonte (un Geeko o un Gecko? Non confondetevi, anche nel mondo IT sono due cose del tutto diverse) fornite in curati e pesanti cofanetti che contenevano sempre ben più di un manuale.

Pensate che la prima release non è stata affatto una 1.0 e nel tempo la distribuzione, quella sotto licenza Apache si chiama oggi openSUSE, è cresciuta, è cambiata, ha acquisito il sistema di gestione RPM dei pacchetti. SUSE è stata acquisita da Novell (era il 2003), ha stretto importanti accordi anche con chi, ancora nel 2006 pensava al software open source come a un ‘cancro’, un male in verità che ora governa il mondo dei server e offre le più interessanti prospettive anche per il cloud computing.

S.u.S.E. linux 4.2
S.u.S.E. Linux 4.2, era il 1996. Niente è più come allora

Appunto, il cloud computing. Oggi SUSE ha indirizzato verso il mondo del cloud computing tante delle proprie risorse interne di ricerca a sviluppo, soprattutto in ambito DevOps, per quanto riguarda il supporto Docker in Linux Enterprise Server, e OpenStack, infatti SUSE spinge sull’implementazione di OpenStack come framework d’elezione per il private cloud.

Pochi invece ancora oggi sanno chi sia l’attuale proprietaria di SUSE: l’ultima acquisizione è andata in porto ad aprile di quest’anno, da parte di un’azienda più famosa per il suo… COBOL. Avrete capito, poco male, un punto in più quando risponderete al nostro quiz.