DevopsMiddlewareProgettiSoftware

F5 Networks passi avanti nell’offerta ADC con BIG-IP

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

F5 Networks estende l’ambito di azione delle proprie soluzioni BIG-IP con il supporto per molteplici ambienti di cloud ibrido e un deployment ancora più flessibile

F5 Networks aggiorna la propria offerta in ambito Application Delivery Controller (ADC) con il rilascio di BIG-IP 12.1 e una serie di ulteriori aggiornamenti.

F5 Networks impernia il proprio business sulle soluzioni di Application Delivery Networking, e nello specifico segmento ADC occupa in posizione stabile la migliore posizione del quadrante magico di Gartner in alto a destra.

Lo scenario di questo mercato vede sempre più clienti orientarsi su un’offerta As A Service, virtuale e in cloud, così come sulla possibilità di abilitare le stesse soluzioni di delivering anche in ambienti ibridi o tradizionali. Si tratta per le aziende di avere un partner affidabile in un ambito delicato come quello del delivering di applicazioni di classe enterprise sulla rete. E F5 Networks offre soluzioni con funzionalità di controllo del traffico sia lato utente/applicazione, sia applicazione/applicazione, in modo da rendere trasparente il gap tra l’applicazione e i protocolli sottostanti e le reti basate sul classico traffico a pacchetti.

Gartner Magic Quadrant ADC (Ottobre 2015)
Gartner Magic Quadrant ADC (Ottobre 2015)

In questi giorni sono state presentate nuove soluzioni software per integrare senza interruzioni i servizi di disponibilità applicativa e semplificare la gestione dei dispositivi da orchestrare al meglio all’interno dell’infrastruttura IT che è modellizzata in modo sempre più dinamico, proprio combinando componenti fisiche e virtuali che comunque F5 Networks è in grado di gestire, facendo di questo fattore un proprio punto di forza.

BIG-IP gli ambiti di azione
BIG-IP – Tutti gli ambiti di azione

Ecco allora gli annunci: BIG-IP 12.1 fornisce ora una migliore integrazione con il cloud pubblico e policy di sicurezza più accurate per gli ambienti on-premise e cloud ibridi; migliorano inoltre le difese delle applicazioni web tramite BIG-IP Application Security Manager (ASM) con metodi di rilevamento delle bot personalizzabili per l’analisi dettagliata e un ampio monitoraggio degli ID dei dispositivi. Su BIG-IP ASM è possibile generare velocemente black list di indirizzi IP dannosi  e con la componente di Advanced Firewall Manager è possibile mitigare attacchi L3-L7 direttamente da parte dell’ISP, con il controllo delle azioni iniziate dall’utente su canale SSH tramite policy personalizzate.

Il punto di forza di F5 relativo alla capacità di innestarsi sia direttamente nei datacenter come in cloud conquista oggi il supporto ampliato per gli ambienti AWS e Azure, con l’integrazione di AWS Autoscale e una disponibilità elevata active/standby attraverso le zone di disponibilità e funzionalità aggiuntive di F5 WAF per Azure Security Center. Resta al centro della strategia comunque il supporto per l’utilizzo delle tecnologie open source come OpenStack

BIG-IP 12.1 è affiancato da BIG-IQ Centralized Management 5.0 per una gestione migliore di tutto il portafoglio di soluzioni BIG-IP. La piattaforma BIG-IQ con le sue funzionalità di visibilità, segnalazione, licencing e gestione che semplificano le operazioni per i prodotti F5 BIG-IP, ora include il supporto del pluripremiato BIG-IP Access Policy Manager.

Passi avanti infine per la componente iWorkFlow 2.0: disponibile come appliance virtuale la soluzione multi-tenant per l’implementazione delle policy di application delivery con le soluzioni BIG-IP permette ora l’orchestrazione dei servizi F5 focalizzati su SD come per esempio Cisco ACI, VMware NSX e il supporto degli strumenti DevOps per il deployment di soluzioni come quelle di Ansible, Puppet e Chef.