Software

Microsoft punta sulla sincronizzazione totale

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Presentato Live Mesh, un prototipo di servizio online destinato ad armonizzare i dati fra pc e altri dispositivi mobili.

Microsoft ha rivelato i primi dettagli di Live Mesh, un nuovo servizio online del quale per ora non è ancora nota la disponibilità né negli Usa né in Europa. Il servizio ha l’obiettivo di rendere facile la condivisione e la sincronizzazione automatica dei documenti fra differenti pc e altre periferiche mobili.

Live Mesh funzionerà all’inizio solo sotto Windows Xp e Vista. Per lavorare, l’utente dovrà scaricarsi un piccolo client per la condivisione dei file. A partire da qui, si avrà accesso a uno spazio di storage online da 5 Gb e si potranno parametrare i file o le directory che si vogliono condividere o sincronizzare con altre macchine. In pratica, un file Word lavorato in questo spazio, farà sì che venga aggiornato automaticamente sulle altre postazioni collegate. Si potrà anche controllare un pc in remoto.

Per gli italiani è al momento abbastanza inutile tentare di iscriversi online per lavorare con la versione technical preview, poiché per avervi accesso occorre un Windows Live Id americano. In compenso, Microsoft ha previsto a breve anche la realizzazione di una versione di Live Mesh anche per Mac e una per Windows Mobile, per allargare progressivamente il numero di terminali compatibili.

Il servizio potrà essere usato sia in modalità connessa che disconnessa. A ogni nuova connessione, il file modificati saranno automaticamente aggiornati sulle varie postazioni di lavoro.

Per saperne di piu, cliccate qui per l’approfondimento con Steve Ballmer, ceo di Microsoft e il video