ComponentiSoftwareWorkspace

Intel Labs: cluster computing a base di Atom

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

I ricercatori degli Intel Labs e dell’università Carnegie Mellonal lavorano per ottenere tecniche di clustering a basso consumo da adottare nei data center. I dettagli del progetto FAWN

Negli Intel Labs i ricercatori sono al lavoro per creare cluster di piccoli dispositivi basati su Atom in grado di far girare carichi applicativi a basso costo energetico. Il progetto, denominato FAWN – o Fast Array of Wimpy Nodes –è stato presentato nei giorni scorsi. Il lavoro è una collaborazione dei laboratori di ricerca Intel con la Carnegie Mellon University . Si tratta di spostare applicazioni dai server tradizionali a cluster di nodi a basso consumo , ma in grado di aggregare grandi capacità di memoria, potenza di calcolo e di I/O. Si vuole arrivare fino a ridurre il consumo di energia di due o tre volte per applicazioni che fanno un uso intenso di dati.

Nella dimostrazione fatta nei laboratori sono state mostrate schede di sistema che potevano essere collegate tra loro per creare un cluster di elaborazione. Ogni scheda conteneva un chip Atom e dischi SSD allo stato solido per lo storage locale in una soluzione che usava unicamente prodotti già disponibili a livello commerciale. Si sta lavorando molto sull’elaborazione parallela ,mentre tra le possibili aree applicative del progetto FAWN vi è quella del load balancing e della scalabilità delle prestazioni .
Un’altra area di ricerca, chiamata WideKV, indirizza la replica dei dati tra data center diversi . In generale lo sforzo riguarda l’ottimizzazione del software per ridurre l’uso della memoria e l’operatività di elaborazione all’interno di sistemi con risorse di calcolo molto ridotte.

Tuttavia Intel conferma tramite un suo alto dirigente Kirk Skaugen, vice president e general manager del Data Centre Group, intervistato da IDG News di non essere interessata a spingere i processori della linea Atom ,ad alta efficienza energetica, nello spazio delle applicazioni server. E’ una difesa dell’efficienza energetica dei server basati sugli ultimi modelli di processori Xeon, anche se alcuni costruttori di sistemi utilizzano i chip Atom in ambito server , mentre Arm sta introducendo i suo chip nei data center. Inoltre va ricordato che Intel sta per far arrivare sul mercato la nuova architettura Sandy Bridge che sembra molto promettente quanto a prestazione ed efficienza energetica.