Software

Free Software Foundation, una campagna contro i formati proprietari

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Rifiutare i documenti nei formati proprietari di Microsoft ed Apple a favore di OpenDocument, per un web più aperto

Free Software Foundation ha lanciato una campagna verso gli utenti di computer di tutto il mondo chiedendo il supporto a favore del Document Freedom Day e del formato OpenDocument . Secondo Fsf, i formati di Microsoft ed Apple sono contro la libertà e gli utenti dovrebbero opporre un rifiuto dichiarato rispondendo con un messaggio di rifiuto a email che prevedono un documento allegato di tipo proprietario. Documenti, spreadsheet e presentazioni inviati nei formati nativi di Word o Excel o iWorks sono di tipo proprietario e incompatibili – secondo Fsf – con la libertà e un web accessibile .
Secondo Peter Brown , Fsf executive director, “ la strada migliore per iniziare è che ciascuno prenda la responsabilità di rifiutane l’uso . Open Document è disponibile, è gratuito come OpenOffice.org   che consente di creare documenti in formato OpenDocument senza alcun costo”.

Fsf sta chiedendo ai 300 milioni di utenti che hanno scaricato OpenOffice di rifiutare attachment proprietari, “ per la libertà e il bene del web”. A lungo termine “ è importante che i documenti siano conservati in modo che siano leggibili negli anni. Formati proprietari vengono cambiati ogni pochi anni e mettono a rischio l’accesso futuro, quando necessario. Dobbiamo invece assicurare che i documenti che mettiamo in memoria sui nostri computer e che sono resi disponibili via web siano accessibili qualunque sia il computer in uso”.

Nello scorso gennaio , a momento del lancio di iPad , Fsf aveva manifestato contro le politiche di Apple.