Software

Finalmente Microsoft rilascia l’hypervisor Hyper-V

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Dopo la lunga attesa è pronta la piattaforma di virtualizzazione, che promette di essere affidabile, scalabile e dalle elevate prestazioni

Hyper-V è la nuova tecnologia di virtualizzazione basata su hypervisor che Microsoft finalmente ha messo a punto dopo mesi di ricerca e sviluppo. Con quasi 1,5 milioni di versioni beta di Hyper-V distribuite e integrata nella maggior parte delle versioni di Windows Server 2008, Hyper-V è progettata come una funzionalità di Windows, consentendo quindi ai clienti che dispongono della certificazione Windows Server di ritrovarsi in un ambiente familiare che semplifica tutte le attività di gestione correlate alla deduplicazione.

I clienti potranno anche utilizzare il System Center Virtual Machine Manager 2008, ora in versione beta, per l’assistenza nella configurazione e nell’utilizzo al meglio degli ambienti basati su hypervisor. Con il rilascio di Hyper-V, la strategia della casa di Redmond è quella di consentire la realizzazione di ambienti virtualizzati anche eterogenei, nella garanzia della migliore interoperabilità, avvantaggiandosi partneship significative, Un esempio concreto è la collaborazione tra Microsoft e Citrix: Hyper-V, infatti, si integra con Citrix XenServer, Citrix XenDesktop e Citrix XenApp.

Tra i punti di forza della soluzione, si segnala sua sua estrema scalabilità, che deriva dalla capacità di supportare molteplici processori e nuclei a livello host nonchè dagli incrementati livelli di memoria a livello host e guest su macchine virtuali. In questo modo, i clienti possono realizzare ambienti di virtualizzazione scalabili per supportare un grande numero di macchine virtuali su un host esistente, potendo contare su una rapida migrazione che permette una disponibilità maggiore su host multipli.

Già 84 sistemi diversi, dai fornitori di server ai sistemi white-box, sono certificati da logo per Windows Server 2008 e Hyper-V: produttori di sistemi (Oem) quali Dell, Fujitsu-Siemens, Hitachi, Hp, Ibm, Nec e Unisys sono già qualificati per la distribuzione e la creazione di sistemi con Hyper-V. I clienti che hanno già implementato Windows Server 2008 potranno ricevere Hyper-V via Windows Update a partire dall’8 luglio.