EnterpriseSoftware

Facebook, una IPO per giocare con i grandi dell’IT come Google o Apple

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

La IPO di Facebook è la prova definiva che la strada per condividere informazioni e relazioni personali è quella dei social network

Facebook ufficializza la sua offerta pubblica di acquisto (IPO) da 5 miliardi di dollari e potenzialmente acquisisce una capitalizzazione di borsa che metterà la maggiore rete sociale del mondo a livello di una Google o di una Apple. Ora la domanda è se la sua crescita futura e le sue prestazioni finanziarie la manterranno a quei livelli. Nella documentazione che accompagna l’apertura della IPO Facebook dichiara 3,7 miliardi di dollari di fatturato e un miliardo di profitti . Con circa 845 milioni di utenti Facebook si affaccia sul mercato pubblico come un colosso dei servizi online.

La domanda è: cosa succederà a Facebook quando sarà costantemente sotto la lente degli analisti finanziari? Facebook tuttavia dispone di un ampio ecosistema di terze parti forse meglio di Google ai suoi inizi in borsa. Tra i partner americani con social app per Facebook ci sono già The Washington Post, Spotify , Netflix, mentre le software house integrano le loro applicazioni con Facebook per permettere agli utenti di condividere e interagire con altri. Il nome più vistoso è quello di Zynga per i giochi e Lieb per il social commerce che compete ad armi pari con Groupon. Come ricordano gli analisti il prodotto di Facebook sono le informazioni dei suoi utenti e il fatturato principale è la pubblicità. E qui entra in competizione diretta con Google. Mentre i social network non hanno ancora sviluppato tutto il loro potenziale finanziario e pubblicitario c’è consenso sul fatto che i dati conservati in Facebook sono di grande valore per gli inserzionisti .

E Facebook lo conferma nel suo documento per la IPO: “ Riteniamo che le raccomandazione degli amici abbiano un grande influenza sui consumatori e nelle loro decisioni di acquisto. Offriamo agli inserzionisti pubblicitari la capacità di corredare con un contesto sociale i loro messaggi di marketing. Il contesto sociale riguarda informazioni che mettono in luce i collegamenti sociale dell’utente con un particolare brand o ramo di affari”.