Software

Dentro il progetto Vulcan di Ibm

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

I dati delle applicazioni di business saranno analizzati con Cognos e condivisi in tempo reale con la suite Lotus Notes

Il progetto Vulcan di Ibm ha un obiettivo ben preciso , anche se vasto: integrare le suite Lotus di messaggistica e collaboration con le applicazioni aziendali di Crm ed Erp e poi fornire report e dati di business intelligence analizzabili con Cognos. La spinta viene dal fatto che, differenza di altri suoi competitor, Ibm non dispone di un ‘unica piattaforma su cui costruire il progetto in grado anche di mescolare le applicazioni on-premises con quelle in cloud computing , magari spingendosi fino ad estensioni per la mobilità d’impresa. Ma c’è di più : il progetto Vulcan sarò aperto da Ibm anche al contributo degli sviluppatori attraverso i suoi nuovi Lotus Live Labs entro la seconda metà di quest’anno. Giudicato da alcuni come una miscela aziendale di Facebook più Google Wave più Business Intelligence il progetto Vulcan ha fatto la sua prima apparizione pubblica a Lotusphere  

.Al di là delle semplificazioni è chiaro che la piattaforma che ne emergerà ha lo scopo di permettere agli utenti all’interno delle imprese di condividere e prendere in modo tempestivo decisioni a partire dai dati forniti dalle applicazioni di business e non di realizzare un’altra applicazione di collaborazione che permetta l’editing congiunto di documenti in tempo reale di file e documenti. Vulcan cerca di fare tutto da un’unica piattaforma. Se si giudica dal portafoglio di applicazioni Lotus , dal client Notes per l’email , al server Domino fino a IM e web conference di Sametime , si vedono pezzi d un puzzle che stenta a comporsi e necessita prima di tutto di una reale unificazione.
Per il momento in Ibm si parla solo di un progetto di servizi collaborativi . Ma quello che i clienti vogliono è la capacità di prendere i dati creati dalle applicazioni di business , come Crm o Erp, analizzarli con un qualche strumento di business intelligence come Cognos e poi condividerli in tempo reale con la suite di collaborazione Lotus . O viceversa.
Forse più impegnativo è il secondo obiettivo di permettere alle applicazioni di comunicare tra loro in modo indifferente, che siano on premises oppure web based sulla base della nascente ibridazione di Lotus con la versione cloud di Lotus Live.
Terzo punto di progetto è l’estensione delle funzionalità di Vulcan dal desktop aziendale verso la mobilità e l’arricchimento con servizi legati alla posizione geografica. Comunque la strada sembra essere lunga : non si vedrà nulla di operativo prima del prossimo anno.