Software

Dell venderà computer con Windows Xp fino al 2010

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Il big mondiale crea un ponte diretto fra il sistema operativo oggi più diffuso sui pc e il futuro Windows 7, a discapito di Vista

Secondo alcune fonti di stampa americane, Dell avrebbe in mente di continuare a offrire il vecchio sistema operativo Windows Xp sui propri sistemi business fino al 2010. Il costruttore dovrebbe includere Xp Professional come opzione preinstallata sulle gamme Optiplex e Precision almeno per i prossimi venti mesi, mentre Microsoft ha già fatto sapere che smetterà di distribuire Xp ai grandi pc vendor dal prossimo 30 giugno.

In sostanza, questo vuol dire che Dell consentirà ai propri utenti di saltare l’aggiornamento a Vista e passare eventualmente in modo diretto al futuro Windows 7, che dovrebbe arrivare proprio nel 2010. Chi vorrà continuare a usare Xp dopo il 30 giugno tecnicamente comprerà una licenza per Vista, ma il costruttore fornirà un computer con una copia preinstallata di Xp sulle macchine vendute con la Bonus Edition di Vista. In ogni caso, occorrerà chiamare Microsoft per ottenere un codice di attivazione Xp, che verrà fornito senza costi aggiuntivi, come previsto dal contratto di licenza standard.

Non è chiaro come Dell riuscirà a ottenere copie aggiuntive di Xp dopo il termine della distribuzione ufficiale di Microsoft. Difficile pensare al magazzino per un’azienda che ha costruito sul concetto di “zero stock” la propria immagine. Più probabile è un accordo specifico con Microsoft o, meglio ancora, l’avvio di un canale con produttori di pc low cost o piccoli distributori, che potranno disporre di licenze Xp fino al 2010.