Software

Anche Red Hat nell’arena della virtualizzazione

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Dopo VmWare e Citrix, ma in linea con Microsoft e il suo Hyper-V, lo specialista Linux lancia il proprio hypervisor

La virtualizzazione si addice a Red Hat, che ha deciso di impegnarsi nel settore con un nuovo hypervisor embedded e una console di amministrazione. Secondo il costruttore, quello appena annunciato sarebbe il primo hypervisor basato su Linux puramente open source, tanto da far sperare che si possa trasformare nel sistema operativo della prossima generazione.

In realtà, il lancio è per Red Hat soprattutto un modo per colmare il ritardo rispetto agli attori già presenti sul mercato, come VmWare, Citrix (Xen) e Microsoft (Hyper-V). L’hypervisor di Red Hat non sarà basato su Xen, ma su Kvm (Kernel-based Virtual Machine), ovvero l’altra soluzione open source presente sul mercato. In modalità beta, potrà ospitare sia Windows che Red Hat Enterprise Linux. Lo spazio occupato è talmente ridotto da poter essere integrato nei 64 Mb di Ram.

L’altra novità di Red Hat è la console di amministrazione oVirt, anch’essa proposta per ora in versione beta. Essa è basata su un’interfaccia Web semplice, adatta tanto per poche macchine virtuali gestite su un’unica postazione quanto per diverse migliaia di macchine sparpagliate su differenti server. Con questi due prodotti, Red Hat intende rispondere alle necessità dei vendor Oem, che vogliono un’altra scelta oltre a VmWare e Microsoft, capaci di costare 4mila dollari per le licenze su un server double socket. Le versioni finali di entrambe le novità saranno disponibili entro la fine dell’anno.
Al di là della virtualizzazione, va registrato anche che Red Hat ha deciso di mettere a disposizione il proprio application server JBoss sulla piattaforma online Elastic Compute Cloud (Ec2) di Amazon. Quest’ultima propone server virtuali dotati di sistema operativo (Red Hat, Ubuntu, OpenSolaris) la cui potenza può essere adattata in funzione della domanda. La tariffa dipende dalla banda utilizzata e dalla potenza di calcolo consumata.