Software

Adobe apre il formato Flash per diffonderlo meglio

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Con Open Screen Project, sostenuto da diverse imprese, il vendor vuole espandersi verso i terminali embedded

Di fronte alla crescente concorrenza di Microsoft Silverlight, Adobe ha recentemente lanciato il nuovo progetto Open Screen Project.

L’iniziativa, che ha già raccolto numerosi sostenitori (Cisco, Intel, Lg, Motorola, Nokia, Qualcomm, Sony Ericsson, Toshiba, Mtv e altri), si propone di trasportare esperienze di rich Internet su apparecchi tv, personal computer, dispositivi mobili e altri consumer electronics.

In questo modo, Adobe spera di poter installare le tecnologie Flash su oltre un miliardo di periferiche Internet entro il 2009. Per riuscirci, il vendor conta di offrire progressivamente maggior libertà sull’utilizzo della tecnologia Flash e, presto, dell’ambiente di esecuzione Air.

Il progetto è fin d’ora accompagnato da un certo numero di azioni significative, come la possibilità per tutti i costruttori di terminali embedded di integrare gratuitamente le tecnologie Flash e Air nei propri dispositivi, senza dover pagare alcuna royalty. Adobe ha anche eliminato ogni restrizione d’uso sulle specifiche Swf (creazione e lettura di contenuti Flash) e Flv/F4v (creazione e diffusione in streaming per il Web di video Flash). In concreto, ciò significa che vendor terzi potranno creare alternative ai lettori Flash senza contropartite finanziarie.

Adobe ha pubblicato Api che permetteranno di portare il player Flash su tutti i terminali. I produttori, dunque, potranno integrare la tecnologia senza ik supporto del vendor che l’ha realizzata. È stato anche pubblicato il protocollo Amf (Action Message Format), al quale seguirà quella di Flash Cast. Concorrente di Ajax, Amf è un formato di scambio che permette alle applicazioni Flash di ricevere direttamente delle informazioni provenienti da database remoti. Il protocollo Flash Cast è, invece, una soluzione che permette agli operatori mobili di trasmettere direttamente dati verso telefoni dotati di lettore Flash.