EnterpriseSicurezzaStart up

Utilizzare più volte la stessa password mette a rischio la sicurezza del banking online

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Un rapporto sull’abitudine sempre più diffusa di usare la medesima password su diversi siti

Uno studio che ha indagato sulla sicurezza dei sistemi bancari su internet ha trovato che il maggior pericolo viene dal riutilizzo delle password nei log-in su siti diversi. Trusteer è una società che si occupa di sicurezza online e tiene sotto controllo più di quattro milioni di computer all’anno. La scoperta di Trusteer è che il 73% dei clienti di banche online utilizzano per i servizi di home banking la medesima password che usano per altri siti meno sicuri.

Un grave pericolo , dato che l’utilizzo di credenziali rubate resta la maniera più semplice per i criminali per aggirare le regole di sicurezza messe in atto dalle banche per le loro applicazioni online.
Ma i consumatori non sono consapevoli, o hanno scelto di ignorare , le implicazioni sula sicurezza di un riutilizzo della credenziali bancarie su diversi siti. Ma una parte di colpa viene attribuita alle banche che permettono agli utenti di scegliere la loro identità , proprio perché la maggior parte degli utenti la condivide con altri siti. Quasi la metà degli utenti usa ID e password anche per altri siti non finanziari.
Basta che un hacker ottenga una password da sistemi web meno sicuri. Poi la utilizzerà  anche per attacchi volti a forzare altri siti , dato che le probabilità che siano la stessa sono molto elevate.