Sicurezza

Symantec lancia la versione 2011 di Norton Internet Security

Giornalista. Ha collaborato con TechWeekEurope IT fin dal suo inizio

Follow on: Google +

Nuova edizione del software di sicurezza di Symantec. E intanto un rapporto speiga paure e comportamenti degli Italiani che si dichiarano al 69% vittime di cyber-crimini

Symantec lancia le edizioni 2011 di Norton Antivirus and Norton Internet Security . Il mercato potenziale è enorme se si pensa che – secondo dati forniti dalla stessa Symantec e ricavati da un campione di 7 mila utenti, anche italiani – il 65 per cento dei consumatori nel mondo ( e il 69 per cento nel nostro paese) ha subito un qualche tipo di attacco.
Tra le novità di Norton 2011 la versione 2.0 della tecnologia Insight che comprende oltre alle firme anche una tecnica basata sulla reputazione per controllare all’istante la reputazione dei siti dai quali i file e i programmi sono scaricati programmi . La reputazione si basa sulle informazioni contenute in un data base globale cresciuto nel corso delgi ultimi quattro anni fino a 1,5 miliardi di file. Oltre a nuovi strumenti di controllo delle prestazioni del personal computer , e un add-on disponibile tra i servizi online di Symantec e coniato per la nuova edizione . Si tratta di Power Eraser che va a caccia tra l’altro del malware che si cela nei falsi programmi di protezione antivirus che spesso richiedono il pagamento di una versione piena per software che al meglio non fa nulla di quanto promette. Il punto di forza delle suite di protezione di Symantec è la tecnologia Sonar – ora alla terza versione – che identifica le minacce emergenti garantendo una protezione dal giorno zero e ed è in grado di prendere decisioni invece dell’utente. Un’altra novità di questa edizione è Insight Window che mostra una statistica aggiornata in tempo reale su quanti file sono stati identificati come buoni o cattivi usando i dati provenienti dalla comunità degli utenti Norton.   Una delle novità collaterali ( da ottenere anche online) di Norton 2011 è in grado di creare in modo automatico una versione di boot sicuro su supporto ottico o chiavetta Usb da utilizzare nel caso in cui il sistema sia irrimediabilmente compromesso dal malware.

Lo studio cui Symantec fa riferimento per analizzare le minacce più recenti si intitola “ Norton Cybercrime Report: The Human Impact” . In esso si analizzano anche le sensazioni che gli utenti provano  dopo essere state vittima di un attacco. Il 58 per cento delle persone prova rabbia, mentre il 40 per cento si sente imbrogliata e prova un senso di impotenza. La sensazione prevalente tra gli utenti – l’80 per cento – è che i cyber-criminali la faranno franca di fronte alla giustizia. D’altra parte la maggior parte degli attacchi proviene da paesi che ne rendono oggettivamente difficile la punizione . Secondo il rapporto il costo medio della soluzine di un attacco è di 93 euro in Italia , mentre meno del 50 per cento delle vittime contatta le forze dell’ordine per segnalare il crimine. D’altra parte non sono molti gli utenti che vogliono cambiare il loro comportamento online , anche se poi ne sono vittime.
Paradossalmente il 24 per cento degli intervistati ritengono legittimo e consentito consultare segretamente le email di un altro o la sua cronologia sul browser. Il 49 per cento degli Italiani mentono in rete, il 29 per cento ammette di adottare una falsa identità. E gli Italiani mentono in rete più del resto del mondo .