EnterpriseProgettiPubblica AmministrazioneSicurezza

SGBox presenta un’app per ottenere le conformità al GDPR

All’interno della piattaforma SGBox è disponibile un’applicazione per verificare il gap tra quanto richiesto dal GDPR e la propria situazione aziendale. Nel corso dell’anno prossimo in arrivo un nuovo modulo

SGBOx è un’azienda specializzata nell’analisi dei log e nella correlazione di eventi oltre che nella gestione delle vulnerabilità, e in questo ambito propone ai propri clienti una nuova applicazione di gap analysis integrata all’interno della propria piattaforma per permettere alle aziende di verificare in modo autonomo le differenze tra i requisiti che già esse soddisfano e quanto loro manca per adempiere a quanto richiesto dalla normativa GDPR, la cui piena e rigorosa entrata in vigore, ricordiamo, è fissata per il 25 maggio 2018.

A meno di sei mesi dall’entrata in vigore effettiva del Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali, l’azienda, con questo aggiornamento, fornisce un ulteriore strumento innovativo e di qualità che consentirà alle aziende di rispettare pienamente la compliance.

Massimo Turchetto_CEO&Founder SGBox
Massimo Turchetto, CEO&Founder di SGBox

Le nuove regole sul trattamento dei dati personali valgono per tutte le organizzazioni che operano in Europa e per gli individui che risiedono nell’Unione Europea ed è risaputo che in base alla nuova normativa le aziende che subiscono violazioni dei dati possono essere gravemente sanzionate se tale violazione non viene prontamente notificata alle autorità. 

Inevitabile per le aziende ricorrere, oramai in tempi brevissimi, all’analisi ed alla revisione dei propri processi aziendali, lo conferma Massimo Turchetto, CEO&Founder di SGBox: “Per ottemperare al nuovo regolamento è auspicabile una revisione completa delle politiche di sicurezza e di protezione dei dati, nonché dei ruoli e delle responsabilità all’interno dell’organizzazione. La valutazione dei rischi e un piano d’azione per affrontare le criticità presenti all’interno dell’organizzazione, inoltre, dovrebbe essere una priorità per ogni azienda. Ricordiamoci che mancano meno di sei mesi all’entrata in vigore del Regolamento”.

SGBox Gap Analysis - Una schermata
SGBox Gap Analysis – Una schermata

SGBox propone quindi funzionalità di gap analysis implementate nella sua applicazione dedicata, scaricabile dall’interfaccia SGBox. Si tratta di un’app opzionale, che utilizza lo stesso framework SGBox per offrire la medesima interfaccia agli utenti. In pratica l’applicazione prevede un questionario, con domande attinte ad hoc dai requisiti presenti nel GDPR.

Con le risposte, gli utenti possono determinare di che tipo e quanto grave sia il gap tra quanto viene dichiarato dall’utente (ovvero l’azienda) e quanto richiesto dalla normativa (il GDPR). Le eventuali differenze vengono poi schematizzate in una sezione riassuntiva che definisce, per ogni tipologia di categoria i diversi gap, con la possibilità di avere anche una rappresentazione grafica.

Il prodotto è stato sviluppato completamente in Italia, pensato per le realtà italiane, e l’azienda vuole presentare presto una seconda release dell’applicazione in modo da consentire di integrare quanto rilevato nella prima fase, tramite la gap analysis, con quanto rilevato da SGBox attraverso i propri moduli. Il GDPR fa esplicito riferimento a requisiti implementati nativamente in SGBox come la raccolta dei log e il monitoraggio e la gestione delle vulnerabilità.

Con l’arrivo della seconda release queste informazioni saranno automaticamente estratte dalla piattaforma ed integrate nell’applicazione per fornire una vista ancora più ricca e dettagliata della compliance dell’azienda basandosi sui dati oggettivi raccolti da SGBox. L’arrivo del nuovo modulo  è previsto nel corso del prossimo anno.